Licenziato il pool di «investigatori» anti Unabomber

Cala il sipario sul pool interforze che ha dato la caccia in questi anni al misterioso Unabomber del Nordest. La task force di polizia e carabinieri, con base nell’aula bunker di Mestre, è stata chiusa dal ministero dell’Interno, su richiesta delle Procure di Venezia e Trieste. È ancora presto per dire se gli sforzi del pool abbiano avuto successo (l’individuazione del presunto attentatore) o abbiano fatto fiasco. Elvo Zornitta, l’ingegnere friulano di Azzano Decimo, unico indagato per gli attentati dinamitardi, figura ancora nel registro delle indagini a Trieste, ma da tempo non lo è più a Venezia. Di fatto in questi ultimi due anni sono stati di più i round a favore di Zornitta che non dell’accusa.