Lieve malore per Federica Pellegrini L'atleta: "Non era il caso di rischiare"

Dopo aver conquistato ieri la medaglia d'oro sugli 800, la nuotatrice azzurra ha ccusato un lieve malore e ha lasciato le batterie dei 400 stile libero. "Non era il caso di rischiare, ora mi preparo per i Mondiali"

Roma - Ancora una volta un malore per Federica Pellegrini. Questa volta a Eindhoven dove l'atleta azzurra ha abbandonato le batterie dei 400 stile libero ai campionato europei di nuoto in vasca corta. E dopo che ieri aveva conquistato la medaglia d’oro sugli 800, specialità a lei non abituale. "Ho avvertito un malessere - ha affermato Pellegrini - ma più lieve. Non era il caso di rischiare. Mi dispiace molto non onorare questi 400, ma non ne faccio un dramma. Meglio che sia accaduto adesso che in gare più importanti. Mi rimetterò al lavoro subito per i Mondiali di Dubai". Dunque, niente di grave, ma solo una forma di precauzione. Il tutto è stato confermato anche dal ds della Nazionale, Gianfranco Saini: "Federica Pellegrini durante la gara ha avvertito una sensazione di disagio e, essendo una campionato di transizione, ha scelto di non rischiare. Dobbiamo essere sereni e non allarmisti. Ciò che è accaduto non compromette lavoro e potenzialità dell’atleta. Rispetto a due anni fa, il disagio di Federica è noto, seguito e controllato".

Precedenti Il primo campanello d’allarme ci fu due anni fa a Genova: era il 28 novembre 2008 e Federica Pellegrini ebbe un malore, con difficoltà respiratorie, che la costrinse a essere soccorsa a bordo vasca mentre disputava gli 800 metri ai campionati italiani invernali di nuoto in vasca corta. Il problema dell’iperventilazione si era poi ripetuto nel dicembre 2008, durante la gara sui 400 metri alla Coppa Brema, a Viterbo. La nuotatrice si sottopose a vari controlli medici, che si conclusero con una diagnosi di asma. Nel marzo del 2009, il malessere si ripresenta. Federica Pellegrini è impegnata nei Primaverili di nuoto a Riccione, improvvisamente rinuncia alla sua batteria dei 400. "Sono crisi di ansia", spiegò la nuotatrice veneta che poi però nella stessa serata nuotò e vinse la staffetta 4x100 mista.