Cosa odiano gli uomini del trucco?

Rossetto, glitter e pettinature elaborate sono nella lista nera

Dopo anni di esperienza ci sentiamo in grado di poter stilare una classifica, o meglio, un insieme di cose che quasi tutti gli uomini detestano quando parliamo di trucco. Un uomo "medio", non un make-up artist o un parrucchiere di sesso maschile ovviamente, uno di quelli che non si rende contro se siete andate a farvi la piega, uno un po' distratto, che non si interessa troppo al lato estetico o che non comprende appieno questo lato un po' più frivolo e divertente della nostra vita. C ene sono tanti così.

Una delle cose principali che l'uomo non apprezza, la prima sulla scala del fastidio verso il make-up, è il rossetto. Visivamente, in generale piace, magari su una modella in una pubblicità o su un'altra donna, perché è sexy, attir lo sguardo, ci fa apparire più sofisticate, ci regala quella allure che solo il trucco sa dare ma in realtà, sulla propria fidanzata, lo detesta. I livelli di tolleranza sono soggettivi ovviamente ma, nella maggior parte dei casi, gli uomini non ne sono entusiasti. Stessa cosa per il lucidalabbra perché è appiccicoso come la carta moschicida. Peggio se il colore sulle labbra vira al borgogna, al viola, al nero, più scuro è e più la smorfia sul loro viso sarà evidente.

Passiamo al fondotinta, accusato di essere più un mascherone che un alleato di bellezza. Probabilmente questo prodotto è finito sul banco degli imputati perché alcuni uomini sono rimasti indietro a vent'anni fa o hanno solo conosciuto donne che si ispirano all'arte circense dei clown per la propria beauty routine. Se pronunciate la parola fondotinta l'occhiata si fa più accusatoria e il timore di subire la trasformazione sulla propria camicia, da bianca a una copia della sacra sindone, si fa più presente che mai. No, il fondotinta non è il cerone, se è quello giusto non vi accorgerete neppure che lo abbiamo addosso, migliora istantaneamente aspetto e umore ed è il migliore amico delle portatrici sane di colorito grigiastro.

Capitolo a sé deve avere il glitter. Un'attrazione per le donne, una repulsione per gli uomini. Sia che lo abbiate sugli occhi, sul corpo, sulle labbra, per loro il glitter significa 'se mi avvicino mi impanerò come una cotoletta alla milanese' e questo sembra essere una minaccia della loro virilità. Cogliamo l'occasione per tranquillizzarvi, siamo più che certi, certissimi anzi che il glitter non ha alcun effetto collaterale e non è pericoloso anzi, può regalarvi anche un po' di attenzioni. "Hai visto quello? Chissà che ha combinato con quei brillantini sulla giacca..." Tutt'al più brillerete di un po' di luce riflessa.

Ultimo, ma non per classifica, il problema capelli. Proprio come per il rossetto si è naturalmente attratti dalle chiome fluenti, morbide, voluminose e magari anche luminose e profumate. I capelli alla Rapunzel piacciono a tutti ma tutto ciò che porta a quel risultato è come un buco nero, sanno in qualche modo che esistono piastre, phon, bigodini, arricciacapelli ma li ignorano. Quando li notano in bagno stanno loro lontani come Superman e la kryptonite. Vivono dentro Matrix, sono inconsapevoli della realtà e nonostante capita che vengano messi davanti all'evidenza, non sono certi di volerla accettare.

In fin dei conti, inutile perdere tempo con acconciature elaborate, make-up sperimentali, nail art da Guinness, non tutti hanno la sensibilità di cogliere l'impegno che ci mettete, la maggior parte delle volte non lo noteranno, sono solo felici di non avervi aspettato troppo perché hanno fame e vogliono andare a cena. Perdoniamoli.