Gli stranieri che si comprano Milano

Non solo qatarioti: all'ombra della Madonnina si affollano investitori cinesi, americani e inglesi. Imbottiti di milioni

Cento milioni di euro per attrarre a Milano sempre più investitori cinesi: è questa la missione che si prefeigge Xiao Dong Zhu con la costruzione del nuovo palazzo "Giardini d'Inverno", che sorgerà nel nuovo centro direzionale di Porta Nuova.

Un edificio avveniristico ed ecosostenibile, caratterizzato da alcune "serre" collocata sui lunghi balconi che circondano il palazzo. Presentato ieri alla Triennale, il nuovo progetto verrà realizzato in due anni e si propone come il modello di una "nuova concezione dell'abitare", più a misura d'uomo.

Zhu, che è già presidente del Pavia Calcio e in Italia ha lavorato, tra l'altro, anche nell'industria del cinema, spiega di volere "un edificio che possa diventare un punto di riferimento a Milano per la Cina che conta." Un palazzo quindi, costruito da uno studio dallo studio di architettura internazionale Caputo, che presenta suggestioni italiane, cinesi e giapponesi. Il beneficio per il pubblico, spiega l'architetto Paolo Caputo, responsabile del progetto, è stimato in dieci milioni di euro.

Ma quello di Zhu non è certo l'unico investimento straniero a otto zeri nella metropoli lombarda. Sempre più investitori esteri appuntano il proprio sguardo sulla città che si estende ai piedi della Madonnina e spesso non disdegnano di acquistare grosse fette a forza di "danè" sonanti.

A febbraio si era conclusa la transazione per l'acquisto da parte dell'Emiro del Qatar, di un pezzo del quartiere di Porta Nuova: 290mila metri quadri comprati per due miliardi di euro nel quartiere più avveniristico della città. A dicembre era stata la volta del Rockfeller group, che aveva rilevato il centro commericale Galleria Borromea, a Peschiera, per 82 milioni di euro.

Per aggiudicarsi la prestigiosa ex sede Unicredit di piazza Cordusio - valutata intorno ai 400 milioni - sono in corsa gli statunitensi di Blackstone, il fondo sovrano di Singapore Gic e la London & Regional Properties.

A inizio anno, il rapporto Emerging trends in Real Estate Europe 2015 pubblicato da Pwc insieme a Urban Land Institute inseriva Milano tra le città più appetibili per gli investitori stranieri. Il capoluogo ambrosiano si collocava al dodicesimo posto, guadagnando ben nove posizioni rispetto al ranking precedente. Roma, al contrario, aveva perso tre posizioni. Un rinnovato segno del nuovo ruolo internazionale di Milano. Che non sfugge allo sguardo attento degli osservatori stranieri.

Commenti
Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Sab, 25/07/2015 - 09:22

Cari comunisti, o come cavolo vi fate chiamare: avete voluto uccidere il capitalismo italiano? Ora beccatevi quello colorato, diventate schiavi e ...zitti!

scorpione2

Sab, 25/07/2015 - 10:36

masini,ti sei dimenticato di citare le due ex squadre di milano.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Sab, 25/07/2015 - 11:01

Qualcuno mi spieghi il concetto di 'Patria', di 'Terra natìa', di 'appartenenza', di 'orgoglio' di abitare e condividere una stessa terra alla luce dell'eventuale circostanza di dover 'difendere' tale Patria quando essa viene privatizzata ed espropriata dagli stranieri che si impossessano di interi lembi della MIA Storia?

Ritratto di federalhst

federalhst

Sab, 25/07/2015 - 11:03

Aiuto gli stranieri cattivi! È un invasione!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 25/07/2015 - 11:24

Prima di mettono in ginocchio finanziariamente con la complicità di una classe politica ladra farabutta inetta poi ti comprano a prezzo di saldo. Se penso che mio nonno per questa patria di mer.... Si è fatto dal 1910 al 1919 servizio militare e guerra (650000 morti) mi si rivolta lo stomaco. Inutile girarci intorno, l'itaglia com'è stato sovrano è finito. Torniamo ad essere una semplice espressione geografica.

Ritratto di Patriota.

Patriota.

Sab, 25/07/2015 - 12:09

Che si vergognino gli italiani influenzati in questi affari. Si vende la città di Milano per quale motivo? Per avere soldi in più in tasta. Vergognatevi! Siete tutti uomini umili. Ai tempi in cui esistevano ancora i valori morali e patriottici, certe cose non succedevano! Sono sempre più convito che bisogna applicare una rivoluzione culturale!

Solist

Sab, 25/07/2015 - 12:16

@rosario, il concetto di patria, abitare, appartenenza e orgoglio da difendere per i cittadini di altri paesi che noi abbiamo invaso non si pone! secondo i dati del 2012 gli italiani residenti all'estero sono piu di 4,3 milioni i quali anch'essi si sono impossessati di lembi della LORO storia dei popoli che li ospitano! chi ha la possibilità finanziaria e non solo si insedia e basta! sei mica razzista?

bisesa dutt

Sab, 25/07/2015 - 12:53

lo stato islamico del Qatar padrone di casa del grattacielo della regione lombardia!!!!!!!!!!!! salvini sei un testa di ......brutto..... stai dando i soldi del popolo padano agli islamici del Qatar.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 25/07/2015 - 12:57

@stenos: a certa classe politica da fastidio la Chiesa perché fra le altre "ammonizioni" annovera un passo del Vangelo in cui attesta: prima che il gallo canti due volte tu mi avrai rinnegato tre volte. INDICARE LA MORALE A CERTI MORALISTI DELL'ULTIMA ORA È COME DISSETARE IL DIAVOLO CON UN BEL BOCCALE DI ACQUA SANTA FRESCA. Ossequi.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 25/07/2015 - 13:13

Non è colpa di quei LADRI,DELINQUENTI e MAFIOSI che ci covernano, se oltre che all`INVASIONE, lo STRANIERO SI STÀ COMPRANDO LE BASI DELL`ECONOMIA ITALIANA, ma è la colpa degli ITALIANI STESSI, di quei CAPRONI, OTTUSI E IGNORANTI, che SEGUONO IL GREGGE DEI MAFIOSI DEMOCRISTIANI e lasciano loro distruggere il paese.

unosolo

Sab, 25/07/2015 - 15:49

ecco quello che ha combinato questo ultimo governo , creando fallimenti e disoccupazione , sono aumentate assunzioni solo nei ministeri , perdiamo credibilità e potere , perdiamo il valore dei beni , perdiamo nei confronti degli altri paesi per non essere credibili come una volta , solo alcuni grandi imprese riescono a sfondare grazie all'impegno dei dirigenti che riescono ancora a contrastare la crisi vendendo nel mondo prodotti invidiabili . Il governo distrugge non aiuta come le banche se non hai da perdere sei finito.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Sab, 25/07/2015 - 18:03

@solist, ti ringrazio per aver esteso il concetto di 'razzismo' anche ai cinesi: io, per la verità, partivo da altri periodi, avendo sempre sopportato come il fumo negli occhi che gli inglesi si prendessero mezza Toscana già nell'800, così come, nello stesso periodo, i nobili russi e svedesi si siano insediati in parte della Riviera ligure. In tempi più vicini a noi mi ha disgustato che i ricconi russi (così come i cinesi) si insediassero nei vari centri storici delle nostre città, mentre altri inglesi, francesi, attori americani e altri, quà e là, sparsi nell'Abruzzo, nelle masserie e nei Trulli. Ecco: una cosa è dietro l'altra! Ma mi consola non poco non avere un figlio al quale essere costretto, per il quieto vivere, a impartire idioti moniti 'alla moda' sull'uguaglianza tra le culture! L'Italia è superiore, nonostante gli stranieri e certi italiani!

Gianca59

Dom, 26/07/2015 - 08:17

Ci venissero ad abitare questi ricchi stranieri non sarebbe nanche male, anzi....Invece preferiscono starsene a Londra, per esempio, alla faccia di Milano che per uno stadiolo diventa come Londra....