Liga, solo il Real nella scia del Barcellona ma le merengues sono a meno 12

Un gol di capitan Raul, sempre più vicino al record del mitico Di Stefano, consente alla squadra madridista di sconfiggere il Deportivo La Coruna. Crollano le altre inseguitrici: il Siviglia è a -15, la coppia valenciana a -19. Cinquina del Getafe allo Sporting Gijon

Solo il Real Madrid, ma sempre a una distanza di dodici punti, rimane all'inseguimento del Barcellona nella Liga spagnola. Alle merengues basta un gol di capitan Raul (il 306° in una partita ufficiale, a un passo dal record di Alfredo Di Stefano) per piegare la resistenza del Deportivo La Coruna e conquistare il quinto successo consecutivo. E così rimane immutato lo svantaggio dal Barça che sabato aveva ottenuto la 17ª vittoria in 20 giornate di campionato sconfiggendo in casa il Numancia per 4-1, non senza polemiche per una rete di Del Pino annullata agli ospiti dall'arbitro Perez Lasa (contatto aereo veniale con Iniesta). I blaugrana hanno realizzato ben 63 reti dall'inizio del campionato (una media di 3,15 gol a partita), venti in più del secondo miglior attacco, quello dell'Atletico Madrid. Perdono terreno le altre inseguitrici: il Siviglia è sconfitto in casa dal Racing Santander che fa il colpo grazie alle reti di Navas e Zigic. Brutta sconfitta anche per il Valencia (1-3 a Maiorca e partita già chiusa alla fine del primo tempo con la doppietta di Jurado e il rigore di Marti), mentre il Villarreal, nel quale segna ancora Giuseppe Rossi (nono gol nella Liga 2008/2009), lascia un punto al Madrigal al fanalino di coda Osasuna. La coppia valenciana è ora a -19 dal Barcellona. Nella ventesima giornata c'è da registrare anche la cinquina del Getafe allo Sporting Gijon: grande protagonista Roberto Soldado che segna una tripletta (un gol su rigore), le altre reti sono di Esteban Granero e Ikechukwu Uche.