Dalla Liguria 750mila euro per la genealogia delle mucche

Quando il doc è denominazione di origine carissima. Conoscere la provenienza di prodotti e soprattutto degli animali da cui si ricava la carne è cosa lodevole, ma la Liguria brilla per una spesa non proprio economica. La Regione, guidata da Claudio Burlando (nella foto), ha infatti stanziato la bellezza di 750mila euro destinati agli aiuti per gli allevatori che devono far fronte ai costi necessari per la tenuta dell’albero genealogico del bestiame, mucche in particolare. La tenuta del pedigree, la capacità di poter risalire sempre alle origini della famiglia dell’animale e l’intervento in caso di problemi sanitari negli allevamenti, ora saranno meno gravi per gli allevatori in grado di beneficiare dello stanziamento regionale, approvato dalla giunta su proposta dell’assessore Giancarlo Cassini. Ma quanto ci costi, caro Doc...