La Liguria apre le spiagge agli amici a quattro zampe

Roberta Gallo

Sono sempre di più le persone che posseggono un amico a quattro zampe. Chi lo ha ricevuto in regalo, chi lo ha scelto come compagno di tante avventure. Ma a volte, si incontrano mille difficoltà a organizzare uscite, soprattutto al mare, con loro. Spesso si trovano, nei negozi, nei supermercati, ma anche sui litorali, i cartelli di divieto di portare i cani. Così, per i cinofili che non vogliono rinunciare alle proprie vacanze e momenti di relax in riva al mare, dovendo lasciare le bestiole a casa, molti stabilimenti balneari della Liguria si sono attrezzati per ospitare il fedele amico dell'uomo. Ombrelloni, lettini, docce. Tutto a misura di cane.
Ad Albisola mare, due anni fa, è nato il primo «Bau bau village» uno stabilimento che si pone come contraltare al solito «io non posso entrare» e al triste rito dell'abbandono degli animali. E sì, perché e proprio durante la stagione estiva che i cani diventano, per alcuni, uno scomodo impedimento alle vacanze.
Questa spiaggia è diventata un punto di riferimento per tanti possessori di cani. Qui, in compagni del loro amato «quattrozampe» possono andare in acqua, scorrazzare nel campo di agilità, completamente ombreggiato e andare tranquillamente a pranzo nel ristorante o a dissetarsi al bar-terrazza dello stabilimento. Inoltre sulla spiaggia si possono trovare ampie capanne di paglia «stile Malindi» dove sono posizionati bellissimi lettini per il relax. Ma attenzione: in acqua c'è una piattaforma galleggiante per allegri tuffi e giochi. Dopo, insieme al padrone, il cagnolino (o il cagnolone) può andare a farsi la doccia per togliersi il salino dal pelo. Ci sono delle apposite docce canine e, eventualmente, dopo possono anche sottostare a una rilassante «toelettatura» professionale con prodotti che garantiscono performance eccezionali per il pelo e la cute, solari antiscottature e massaggi. Insomma, una vera e propria «beauty farm for dog» compresa pure di aromaterapia. Non poteva ovviamente mancare il «Bau bau market» con gadget, mangimi di tutte le marche e giochi galleggianti. Nella boutique si possono trovare le t-shirt americane, le ciotole di tutte le forge e i materiali, brandine, bandane, collari e guinzagli sino alle cucce. Ma anche accappatoi in piquet con cappuccio per asciugare velocemente il cane dopo il bagno in mare o dopo la doccia. Il tutto può essere abbinato ai «corredi» per il padrone. Il guinzaglio può essere in tinta con le infradito, e così via.
Ad Alassio, la spiaggia per i cani è gestita dalla sezione provinciale di Savona dell'Enpa (l’ente nazionale protezione animali), mentre ad Andora c'è proprio una spiaggia libera, attrezzata dal Comune, interamente dedicata ai cani. Stessa cosa a Pietra Ligure, presso l'ex colonia «Leonessa». Sullo stile del Bau bau Village ci sono ancora i bagni Maoma di Bordighera, Ospedaletti, Capo Mele di Laigueglia, dove, per il cane, al giorno, si spendono 3 euro.

Annunci

Altri articoli