La Liguria orgogliosa: «Una nomina anche nostra»

E Genova se ne prende un po’ il merito. Il clima è a metà fra il dispiacere di perdere una guida come il cardinale Tarcisio Bertone e la festa per un’incarico tanto importante. Con la certezza che lui manterrà un legame particolare per sempre con la città. E che, con lui, anche la città è stata in qualche modo premiata da papa Benedetto XVI con la nomina del suo arcivescovo a segretario di Stato vaticano.
È un fiume di dichiarazioni, quello che segue la notizia più attesa della Liguria e che va ad aggiungersi alle tantissime congratulazioni provenienti da ogni parte d’Italia. Il presidente della Regione Claudio Burlando formula i suoi auguri, esprime «apprezzamento per i rapporti da lui costruiti con il territorio ligure», si dice pieno di orgoglio per la nomina di «una persona che ha legato parte della propria esperienza a Genova». Alessandro Repetto il presidente della Provincia manda un telegramma da Roma: «Sono particolarmente felice di questa nomina, una carica di prestigio e significativa che viviamo anche un po’ come “nostra”». A Giuseppe Pericu è lo stesso Bertone a telefonare, appena appresa la notizia. Il sindaco gli ha fatto i suoi complimenti, sostenendo che questo riconoscimento vuole essere anche in parte un riconoscimento importante per la città di Genova della quale il cardinale è stato «un punto di riferimento non soltanto come Pastore di anime, ma come pregevole ed autorevole interlocutore sui temi che riguardano l’uomo, la società ma anche l'economia e la politica».
A sottolineare le «grandi doti pastorali e umane» di Bertone e «l’onore per la nostra città e la nostra regione» è Mino Ronzitti il presidente del consiglio regionale, che svela un piccolo retroscena: «Sono lieto che quanto il cardinale Bertone aveva avuto la cortesia e la confidenza di anticiparmi pochi giorni fa in uno dei nostri incontri sia stato ufficializzato. Sono certo che il cardinale continuerà ad avere Genova e la Liguria nel suo cuore».
E ieri la politica tutta è intervenuta. L’ex ministro Claudio Scajola, di Forza Italia, ha espresso «orgoglio» per il nuovo prestigioso incarico, un «profondo ringraziamento per l’attività svolta magistralmente a Genova e in Liguria» e «per l’impegno in difesa delle radici cristiane della società». Alle congratulazioni si è associato Michele Scandroglio di Forza Italia. Di «gioia immensa» ha parlato il senatore Luigi Grillo, Forza Italia: «Papa Benedetto XVI ha voluto onorare Genova e la Liguria. Scegliendo un vescovo Pastore, residenziale e al tempo stesso antico e fedele collaboratore, il Papa ha confermato il grande apprezzamento per l’Arcivescovo di Genova e il Suo ineguagliabile impegno e la sua opera generosa e ininterrotta a favore di tutta la comunità ligure».
Ancora, fra i parlamentari liguri, Egidio Pedrini, Idv, si dice sicuro che Bertone «nella sua nuova posizione saprà portare la carica della sua umanità e della sua grande esperienza in un mondo che sempre più chiede pace e solidarietà». Giorgio Bornacin di An esprime «grande soddisfazione, come uomo e come cattolico» e ricorda «l’attenta e delicata opera pastorale di Bertone in epoche così particolari», Roberta Pinotti, Ds, porge «i migliori auguri per il nuovo e delicatissimo incarico» e ringrazia Bertone «per il lavoro che ha svolto presso la nostra città».
Alle congratulazioni si aggiungono quelle di Gianni Plinio e di Sandro Biasotti. In particolare, il capogruppo di Alleanza nazionale in Regione ha inviato un telegramma augurale a Bertone: «È motivo di grande soddisfazione e di grande onore per tutti i genovesi ed i liguri la nomina del Cardinale Bertone a Segretario di Stato Vaticano - commenta Plinio -. Personalmente ne sono doppiamente felice anche in qualità di ex allievo salesiano. Sono certo che nell'espletamento del nuovo prestigioso incarico il cardinale Bertone continuerà a mantenere stretti e proficui rapporti con la Liguria e con Genova dove è stato universalmente apprezzato sia per il rigore dottrinale che per il genuino spirito di apertura nei confronti delle più rilevanti questioni sociali e dei bisogni dei più deboli».
Dal canto suo l’ex governatore della Liguria, Biasotti, afferma: «Apprendo con immensa felicità la notizia dell' autorevole incarico di Segretario di Stato del Vaticano assegnato al cardinale Tarcisio Bertone. Incarico che è la testimonianza della grande stima e fiducia che il Sommo Pontefice ripone nel nostro cardinale. Come ligure e come genovese mi sento orgoglioso nel veder portare a tale prestigio il nome della mia terra, come uomo mi sento onorato di aver avuto la possibilità di lavorare e collaborare con una persona che è stata un'ineguagliabile guida per la città di Genova».