La Liguria si blocca sul «ponte»

Una lunga fila di auto di turisti da Alessandria, nel basso Piemonte, fino a Genova, e da qui, lungo tutta la riviera di ponente, fino al confine francese. È il quadro tracciato ieri mattina dalla polizia stradale che ha registrato un grande esodo verso la Liguria in occasione della festa del 2 giugno.
Il lungo serpentone di auto ha iniziato a prendere consistenza intorno alle 7 sulla A26 Voltri-Alessandria, con una coda di 3 chilometri all'altezza del raccordo con la A10 in direzione del ponente e della Francia. Alle 9 - ha riferito la polizia stradale genovese - il traffico ha assunto le proporzioni di un vero e proprio esodo verso la Liguria, con un’ininterrotta fila di auto che da Alessandria nel basso Piemonte arrivava fino a Genova-Voltri e proseguiva lungo tutta la riviera fino al confine francese.
Interessato da questo «assalto» turistico anche il Levante, con una coda di proporzioni non indifferenti fra Nervi e Recco che ha coinvolto un po’ tutti i caselli in uscita per le località più importanti del levante. «Causa» di questi interminabili incolonnamenti è stato soprattutto il tradizionale affollamento di visitatori provenienti da Milano e dalla Lombardia che ieri mattina hanno preso d’assalto la A7.