Limiti per Porta a Porta, Ballarò e Annozero

Arriva la par condicio rinforzata. Ieri sera, dopo una lunga discussione, la Commissione di vigilanza Rai ha varato il nuovo regolamento della comunicazione politica che contiene una grossa novità: le limitazioni della par condicio si applicheranno anche alle trasmissioni di approfondimento della Rai. Dunque, a partire da un mese prima delle elezioni regionali del 28 e 29 marzo, potrebbero essere costrette a modificare i loro palinsesti Porta a Porta, Ballarò e Annozero. Il regolamento prevede che al posto delle trasmissioni si facciano delle tribune politiche soggette alle regole rigide di tempi e spazi dedicati in modo paritario alle liste. Il regolamento è stato approvato con i voti del centrodestra e del relatore, il radicale Marco Beltrandi. Contrario il Pd, che è insorto prendendosela soprattutto con Beltrandi. Per il capogruppo del Pd in Vigilanza, Fabrizio Morri, «la soppressione delle trasmissioni è grave: non era mai accaduta e non è richiesta dalla legge». L’alternativa, ha spiegato il relatore è che le trasmissioni ospitino le tribune politiche al proprio interno.