L'immagine è tutto (anche per i telefoni)

nostro inviato a Berlino

E d'altro canto aggirandosi per Berlino con uno smartphone che fa foto a 41 megapixel il minimo che ti può capitare è scoprire che il futuro della tecnologia sono telefonini che scattano immagini professionali. E che ogni tanto, poi, telefonano. Insomma: vista uno dei nuovi Nokia 1020 in mano - giallo brillante come le foto che scatta - l'Ifa è l'immagine di una tendenza inarrestabile, ovvero che in tasca non abbiamo più un oggetto che serve solo a fare telefonate. Prova ne è uno dei gadget più cool visti in Germania, l'Xperia Z1 di Sony, che non sarebbe altro - appunto - che un telefono cellulare ma che alla fine ha nella sua forza propio l'utilizzo da fotocamera. Uno smartphone con uno schermo 5 pollici ad altissima risoluzione (ed il fatto che Sony abbia deciso di mandare in anteprima i suoi film - il prossimo sarà Elysium - nell'apposita applicazione video ancor prima che su Dvd e pay tv ne è la prova), ma soprattutto con tanta intelligenza dentro per diventare un compagno da cineoperatori, dilettanti o non. In pratica: 20,7 megapixel con obiettivo «G Lens» di Sony, grandangolo da 27 mm e una luminosa apertura F2.0, sensore CMOS Exmor RS per dispositivi mobili di grandi dimensioni di tipo 1/2.3 e un processore di elaborazione delle immagini BIONZ per mobile. Al netto dei termini tecnici, particamente una fotocamera professionale. Dotata tra l'altro di applicazioni attivabili con un semplice tocco che permettono di scattare foto in sequenza, di conoscere via internet vita, morte e miracoli di monumenti, libri o bottiglie di vino (e tanto altro), di condividere fino a dieci minuti di video streaming su internet ed in diretta. il tutto con accessori di prim'ordine, come il sorprendente obbiettivo QX10 che si accoppia allo smartphone (iPhone compreso) via Nfc e wifi (e cioè solo toccandolo) e che può essere utilizzato su tutti modelli in commercio per avere uno zoom 10x, tra l'altro potendolo spostare lontano dal telefono. Questo se per caso avete un'anima da 007. Risultato: davvero un vero passo avanti di Sony ad un prezzo (699 euro) che fa appunto concorrenza al 1020 di Sony che di megapixel ne ha 41 con una risoluzione impressionante. E per i fotografi dilettanti o non, i due telefoni (Nokia viaggia con il sistema operativo Windows 8, Sony con Android) sono una valida alternativa - se non superiore - alle macchine compatte, che da Ifa escono pesantemente ridimensionate e che riescono ad avere vita con il calr del prezzo.
Per il resto a Berlino, tra lanci di Smartwatch (Samsung ha presentato il suo Gear, Sony è alla seconda edizione da accoppiare allo Z1), tablet a volontà, pc ibridi ed elettrodomestici sempre più intellogenti, l'altra faccia dell'innovazione sono i televisori 4k (notevole il Panasonic) e Oled con lo schermo curvo: Sony, Samsung ed Lg hanno messo in campo il prodotto, che ancora hanno il limte nel prezzo (circa 8mila euro) e nel fatto che l'ultra definizione è per il momento un fenomeno da dimostrazione nello stand. Di sicuro però l'immagine e il suono sono coinvolgenti, spostando ancora un po' più in qua il cinema verso le mura domestiche. E di sicuro, comunque, questo è il segnale di ripresa che la tecnologia dà all'economia mondiale: da Ifa 2012 a Ifa 2013 è cambiato davvero un mondo e forse finalmente ci siamo. Il futuro insomma sta arrivando più veloce, anche se non mancano le esagerazioni: avere ad esempio uno schermo tv con il quale due persone nella stessa stanza posso vedere due programmi diversi anche in 3D, è un'alienazione del concetto di modernità. Ma tant'è: l'hitech è anche questo, far vedere che l'impossibile non esiste. E che al possibile, qualche volta, ci si può tranquillamente rinunciare.