L'inedito / Nel mio ufficio non voglio scarpe da tennis

Un estratto del memorandum datato 1989 (pubblicato dal settimanale Panorama nel
numero in edicola oggi) che Oriana Fallaci compilò per i suoi
collaboratori a New York

«Per l’ufficio
- L’ufficio deve essere aperto puntualissimamente alle 9 del mattino. [...]
- Non vi sono vacanze [...] quindi se uno ha bisogno della vacanza non può assumere l’impegno di questo lavoro. Per vacanza intendo anche il giorno saltuario.
- [...] Niente richieste per recarsi dal dentista o dalla zia che ha la polmonite. [...]

-Per l’impiegato o l’impiegata
- Deve trattarsi di persona decorosa, bene educata, rispettosa, cortese, e in grado di scrivere senza errori in italiano e in inglese. [...]
- Deve essere sempre vestita in modo decoroso, dignitoso. Niente giovanotti e ragazzette vestite da pagliacci, niente scamiciati (magari puzzolenti come è successo) e con le scarpacce da tennis. [...]
- La persona non deve familiarizzare con altri uffici che, si sa, sono persone interessate a me o alla mia vita. [...]»

Dal memorandum datato 1989 (pubblicato dal settimanale Panorama nel numero in edicola oggi) che Oriana Fallaci compilò per i suoi collaboratori a New York.