Linee metro, il piano a Lunardi

Potenziamento della metro, apertura di nuove fermate oltre a quelle previste dalla linea C, prolungamento della B1, finanziamento di parte della D e poi raddoppio della via del Mare, interramento dell’Olimpica per riunificare Villa Pamphili, sottopasso dell’Appia Antica e abbattimento della tangenziale nel tratto di San Lorenzo per consentirne l’interramento.
Questi i grandi progetti infrastrutturali per la città di Roma di cui il sindaco Veltroni ha discusso ieri mattina con il ministro alle Infrastrutture Pietro Lunardi. A rendere noti i contenuti dell’incontro interlocutorio è stato lo stesso sindaco che ha ricordato come si tratta di progetti che «speriamo possano essere finanziati dal Cipe». Veltroni ha sottolineato che le opere prospettate al ministro «hanno già un certo stato di avanzamento progettuale. Sono progetti che da solo il Comune non può finanziare per i quali abbiamo incontrato la massima attenzione e disponibilità di Lunardi. Oltre all’inventario delle questioni abbiamo studiato un percorso di lavoro con ulteriori scadenze e con lo spirito istituzionale e con la collaborazione che abbiamo sempre avuto con il ministero delle Infrastrutture».
Il Campidoglio ha presentato al ministro Lunardi i progetti ma anche i costi e «le indicazioni di partecipazione finanziaria di pubblico e privati». «Non si tratta mai - ha detto Veltroni - di finanziamenti integrali ma di compartecipazioni, a volte anche al 50%». Quanto all’interramento della tangenziale, che per Veltroni è «fondamentale per restituire al quartiere la libertà e la bellezza perduta nel corso degli anni», si parlerebbe di un investimento «di 200 milioni di euro».