L'Inter vince sul Genoa Papera portiere Eduardo E stasera c'è Milan-Juve

I nerazzurri si portano a -1 dalla Lazio capolista grazie a una rete di Muntari, subentrato all'infortunato Cambiasso. Rete propiziata da un errore del portiere rossoblu. <strong><a href="/sport/milan_ibra_e_pato_sfondare_juvinter/30-10-2010/articolo-id=483603-page=0-comments=1">Stasera in campo Milan-Juventus<br />
</a></strong>

Genova - Quando al 90° il quarto uomo alza il cartellone segnalando che ci sono ancora 5 minuti da giocare (recupero), per l'Inter sembra che il tempo non passi più. I campioni d'Italia sono avanti di un gol. Ma quei cinque minuti sono durissimi: il pubblico di Marassi ci crede e spinge i propri beneamini a mettercela tutta, fino all'ultimo istante, fino all'ultimo respiro. L'Inter suda, sbuffa e soffre. Si chiude a riccio e tenta di ripartire in contropiede. E' dura ma il tempo scorre, anche se lentamente. Poi il cronometro si ferma. I cinque minuti di recupero sono passati. Nonostante il grande cuore del Grifone l'Inter porta a casa i tre punti. Uno a zero, gol di Muntari al 47' pt. I nerazzurri si portano al secondo posto con 18 punti in classifica, uno in meno della Lazio. Sabato sera c'è l'attesissima sfida, a San Siro, tra Milan e Juventus. Se i rossoneri vogliono restare davanti ai campioni d'Italia devono vincere per forza. Benitez può dirsi soddisfatto: la sua Inter soffre ma vince. E se Eto'o stavolta è rimasto a secco (mangiandosi un gol quasi fatto con un tiro alto dagli undici metri, quasi un rigore) a togliere le castagne dal fuoco stavolta ci pensa il ghanese Muntari. Brutte notizie sul fronte dell'infermeria (da valutare le condizioni degli infortunati Cambiasso e Julio Cesar), in vista dell'impegno di martedi in Champions League, contro il Tottenham.

Il gol Il vantaggio arriva poco prima del fischio del primo tempo. Al 47' pt, dopo un disimpegno poco efficace della difesa del Genoa, Muntari (subentrato all'infortunato Cambiasso) riceve palla fuori area e calcia di sinistro. Il tiro è abbastanza forte ma centrale, all'apparenza innocuo. Il portiere Eduardo, ingannato dal rimbalzo del pallone proprio davanti a sé, non riesce a intercettare e la sfera finisce in rete.

Santon: abbiamo sofferto "E' una vittoria importantissima. Sono molto contento anche per me, finalmente sto bene e sono riuscito a finire la gara. Abbiamo sofferto la loro intensità". Il difensore dell'Inter Santon, al rientro da titolare, commenta così, dai microfoni di Sky, la vittoria sul Genoa. "E' stata dura - dice ancora Santon - e proprio per questo sono tre punti importanti. Il Milan? Dobbiamo pensare a noi stessi e non agli altri".

Gasperini: non meritavamo di perdere "Sono molto dispiaciuto per il pubblico e per la mia squadra. Doveva finire diversamente, perché non meritavamo di perdere. Abbiamo giocato una buona gara sfiorando tante volte il gol". L'allenatore del Genoa Gian Piero Gasperini non nasconde la delusione. "Il primo tempo è stato buono, potevamo andare in vantaggio e invece abbiamo preso gol nei minuti di recupero. Avevamo preparato bene la gara, dovevamo allungare la squadra e ripartire anche con i difensori. Abbiamo perso qualche pallone di troppo, però la squadra ha giocato con ordine in difesa ed è riuscita a ripartire con velocità. Nel finale abbiamo giocato con maggiore fisicità, potevamo almeno portare a casa un pareggio. Dispiace perdere questi punti, ma lo spirito di squadra è stato ottimo".