Lippi: «La mia Italia vale il super Brasile»

«Il Brasile è un’armata calcistica, somiglia a quello di Pelè. Avete visto Robinho e Adriano?». È il ct Marcello Lippi che parla, in un’intervista esclusiva a 360°. «Kakà è calato un po’ rispetto al 2004: per fortuna, altrimenti chiudevamo tutti bottega...». Argentina e Germania in calo? «Macché. Sono pericolose. Ai tedeschi manca solo un Bierhoff». La nostra nazionale cresce: «Faremo delle amichevoli di prestigio, perché i giovani hanno bisogno di fare esperienza». E ancora: «Giocheremo con il 4-4-2, ma potrei provare “l’albero di Natale”. Mi manca solo un esterno sinistro, il resto c’è». Poi parla di Totti («Mai pensato ad un’Italia senza di lui»), Gilardino («Il Milan è l’ideale per Alberto») e Vieri («Può dare ancora molto»).
Si chiude con Zola: «Grande uomo e grande calciatore». Ma non manca Maradona: «Incredibile. La festa di Ferrara è diventata la sua». Scoppiettante.