Lippi vuole un’Italia vera: chiama Totti, perde Buffon

Guardalben sostituisce l’infortunato portiere. Poi 4 juventini (anche Del Piero) e 5 milanisti. Il bocciato è Cassano

Marcello Di Dio

da Roma

Lippi fa tredici con la Nazionale e, a distanza di un anno esatto dal suo esordio sulla panchina azzurra (l’inguardabile 0-2 con l’Islanda), si affida a una nazionale vera, anche se deve sostituire all’ultimo momento l’infortunato Buffon con Guardalben. Fra i 23 convocati per l’abituale amichevole di agosto, che quest’anno l’Italia giocherà a Dublino contro l’Eire (mercoledì, ore 20.30) ci sono molti dei giocatori che formeranno il gruppo azzurro al Mondiale. D’altronde le partite in Scozia e Bielorussia del 3 e 7 settembre prossimi sono molto vicine e non è più tempo di esperimenti. Così tornano in nazionale Francesco Totti e Alessandro Del Piero: il primo, che aveva rischiato di non esserci per un attacco influenzale, clamorosamente escluso per il match di qualificazione mondiale in Norvegia; lo juventino che rientra nel giro della Nazionale dopo 11 mesi, visto che la sfida in Moldavia dell’8 settembre 2004 (nella quale segnò anche il gol vittoria) è risultata il suo ultimo vagito azzurro. «Non c’è mai stata rottura con Totti e la mia stima per lui è immutata», ha sempre ripetuto Lippi dopo la mancata convocazione a giugno. Mentre su Del Piero ha sottolineato più volte che «Alex lo conosco bene, ho preferito scoprire chi non conoscevo».
Ma a fronte di due ritorni importanti c’è un’esclusione eccellente, quella di Antonio Cassano. «Ho una gran voglia di conoscerlo», disse il ct il 22 marzo dopo averlo convocato per la prima volta nella sua Nazionale. Da allora due presenze da titolare con Scozia e Norvegia e prestazioni per nulla esaltanti. E la sua attuale situazione in stand-by alla Roma certamente non lo aiuta. Domani a Coverciano (raduno degli azzurri alle ore 17, allenamento alle 18) Lippi spiegherà perché lo ha lasciato a casa.
Per il resto, assenza per infortunio del parmense Bonera, convocazioni per gli juventini e l’interista Materazzi - nonostante tre giorni dopo si giochi la finale di Supercoppa - e attesa per il duo milanista Vieri-Gilardino. In più le conferme dei quasi-deb Iaquinta, chiamato per la prima volta a marzo per l’amichevole con l’Islanda, e Mesto, provato a giugno nella tournée in Canada e Usa.
I convocati: portieri Guardalben (Palermo), De Sanctis (Udinese), Roma (Monaco); difensori Barzagli e Grosso (Palermo), Cannavaro e Zambrotta (Juve), Materazzi (Inter), Nesta (Milan), Zaccardo (Palermo); centrocampisti Barone (Palermo), Camoranesi (Juve), De Rossi (Roma), Diana (Sampdoria), Gattuso e Pirlo (Milan), Mesto (Reggina); attaccanti Del Piero (Juve), Gilardino e Vieri (Milan), Iaquinta (Udinese), Toni (Fiorentina), Totti (Roma). Martedì secondo allenamento a Coverciano e partenza per Dublino alle 16.30.