Lira ti prego torna, non dovevo lasciarti

Ti prego, torniamo insie­me anche solo per poco; mogli e sghei dei Paesi tuoi...

Cara Lira, scusami, ho sbagliato, non dovevo lasciarti.

Mi lasciai andare a una botta di vita e mi feci intortare da una sculettante ra­gazza venuta dal nord europa. Ti vedevo invecchiata, malandata, afflosciata, ti sentivo troppo casereccia, provinciale. Così pensai con i miei amici Franco e Marco di farmi una compagna nuova di zecca, in grado di eccitarmi, di farmi fare bella figura nel mondo, di competere con le stangone americane e le geishe d’oriente.

Un paraninfo bolognese, detto il Mor­tadella, mi presentò una ragazza appe­na assunta in banca, che non conosceva una parola d’italiano ma era seducente. Così in una losca locanda d’Olanda, a Maastricht, la misi incinta. Per un anno vissi la doppia vita, poi abbandonai il tet­to coniugale con te e andai a vivere con lei, Eugenia Ross, in sintesi Euro.

Con lei il costo della vita schizzò subi­to alle stelle, ma che vuoi, se cambi teno­re ed entri in un giro internazionale, non puoi mica fare il pidocchioso. Lei è sem­pre più esigente, mi spreme come un li­mone, mi sono venduto la proprietà: avevo tre monti, me ne trovo uno solo.

Lei ha affidato il mio patrimonio a un banchiere varesotto ed è la rovina, mi ipotecò pure la casa. Non ti dico poi la suocera tedesca, una culona insopporta­bile. Ora torno in ginocchio da te, Lira caris­sima. Ricordi la nostra canzone, Per una lira di Lucio Battisti? Te la dedico, con li­rica nostalgia. Ti prego, torniamo insie­me anche solo per poco; mogli e sghei dei Paesi tuoi. Anche se ti è cresciuto un apostrofo acido dopo la elle, e ti chiama­no L’ira.

Commenti

cincinnatus

Dom, 24/06/2012 - 15:54

I parametri di maastricht avevano uno scopo molto preciso e prevedevano che il disavaNzo pubblico, il debito pubblico e l'inflazione restassero entro determinati limiti che non sono stati rispettati. Scagliarsi contro l'Euro è come se un malato che non avendo seguito la cura prescritta in inc@zz@ contro le medicine perché non hanno avuto il risultato sperato. Non capire questo significa non vedere ad un palmo dal naso e, ahimè, assolvere chi aveva il dovere di governare le finanze di questa disgraziata itaGlia. Gli Schei vanno bene tutti, ma se li si sperpera non ne va bene alcuno.

Ritratto di Luca Scialò

Luca Scialò

Dom, 24/06/2012 - 16:15

Che dire, stupenda

riccardo888

Dom, 24/06/2012 - 16:45

Perche' non ti trasferisci in Turchia? Li hanno ancora la lira, sai? Sono sicuro che ti troveresti bene. Io rimango in Europa, e l'euro me lo tengo stretto stretto, caro il mio *******azzo.

Massimo

Dom, 24/06/2012 - 17:34

Quando nel 1984 fu organizzato quell'aborto di referendum per dire sì o no a qualcosa di cui non si conosceva nulla e fu presentato come un sì o un no all'europa, i giornalisti sghignazzavano nei loro editoriali inculcando nei cittadini l'idea che i nostri debiti li avrebbero pagati i tedeschi. Non mi fidai e fui in quel 10% di contrari. I tedeschi si sono rivelati meno boccaloni di chi sostenne il sì all'europa e adesso vogliono che noi (e i Greci, e i Portoghesi e gli Spagnoli e gli Irlandesi ...) si paghino i nostri debiti. Giusto. Allora riprendiamoci la Sovranità il cui tratto distintivo è la possibilità di battere una propria moneta. Unico appunto a Veneziani: Mortadella è reggiano, non bolognese. Non caricateci addosso, a noi che abbiamo già la croce dei Casini e dei Fini, pure quello !

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Dom, 24/06/2012 - 17:33

Marcello è fantastico e stimolante! …la storia continua. Immagino che la ex casereccia Lira possa tener testa alla fu sfolgorante Eugenia Ross che, dopo dieci anni di stravizi, corruzioni, dissolutezze e depravazioni di ogni genere, deve essere invecchiata al punto tale da far sembrare la provinciale Lira una ventenne in fiore. Speriamo che l‘ira della, nonostante tutto, mai dimenticata Lira, dopo dieci anni passati nell’abbandono, sia scemata nella nostalgia di suo marito che, con il capo cosparso di cenere e vestito di sacco, freme dal desiderio di tornare fra le sue rassicuranti braccia. Con orgoglio costringerà l’amato ad una piccola Canossa ma poi, come una regale moglie, lo accoglierà tra le mura del Castello nel quale si era rinchiusa per diventarne la Signora. E vissero felici e contenti per molti e molti anni, generarono tanti soldini e monetine e il Castello divenne una dimora piena di gioia. Favola o speranzoso prossimo futuro?

Aristofane etneo

Dom, 24/06/2012 - 18:40

.. e dai co sta "culona"! Avessi vicina di pianerottolo la sig.ra Merkel, anziché oro o incenso o mirra, ogni anno le offrirei un bel mazzo di fiori di campo a contorno di qualche litro del poco e preziosissimo olio exstravergine d'oliva di un mio fazzoletto di terra sulle falde dell'Etna; così, per omaggiarla, perché dimostra di essere una persona perbene, competente e soprattutto non ha l'aria di chi frega chi l'ha eletta e se ne frega. Per quale logica i nostri papponi dovrebbero avere anche i soldi dei Tedeschi per mantenere i loro privilegi contro i dettami della nostra Carta Costituzionale?

Ritratto di Massimo Scalfati

Massimo Scalfati

Dom, 24/06/2012 - 22:07

Da quest'articolo ho capito la ragione profonda della autodistruzione della Destra italiana. Perché anche i suoi uomini migliori (come te, che stimo come intellettuale) non capiscono niente di politica e si lasciano a dire sciocchezze incredibili.

Ritratto di lorenzo74

lorenzo74

Lun, 25/06/2012 - 01:54

Smettiamo di comprare auto tedesche!!Siamo il 3° o 4° mercato per la Germania: perchè dargli tutti questi euro, per poi essere trattati come poveracci? Ma siamo scemi?

cincinnatus

Lun, 25/06/2012 - 03:12

#6 Aristofane etneo - Mi permetto di correggerti, Aristofane. I soldi dei tedeschi servirebbero non solo a mantenere i privilegi della casta. Sei troppo generoso nel pensare così perché, nella realtà, i detti soldi verrebbero RUBATI come sono stati RUBATI gli altri. Vado oltre. Io la Merkel la vorrei non come vicina di casa ma come PRIMO MINISTRO e sono certo che la musica in itaGlia cambierebbe.

cincinnatus

Lun, 25/06/2012 - 03:07

Comunque si evolva la situazione di una cosa possiamo star certi. CHI HA AVUTO, HA AVUTO, HA AVUTO. CHI HA DATO, HA DATO, HA DATO. SCURDAMMOCE 'O PASSATO. SIMEM A NAPULE, PAISA'.

cincinnatus

Lun, 25/06/2012 - 08:51

Mio Dio, quanta gente che scrive senza capire un accidente! Ma ciò che mi sorprende di più sei tu, Veneziani, che dovresti mettere la tua credibilità al servizio del Paese comunicando ai tuoi lettori come davvero stanno le cose perché è questa la funzione degli intellettuali. E invece scrivi spiritosaggini che, per carità, sono gradevoli; ma dannose perché offuscano menti già di per sè in difficoltà.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Lun, 25/06/2012 - 10:45

Dio mio come siete tutti seriosi!!! Sempre pronti a bacchettare e a vedere sempre le cose solo da un punto di vista. Anche la Germania non è certo una verginella e per i propri interessi anche lei ha sguazzato nel torbido. E poi, cribbio, siete diventati anche sognicidi? Dopo che la sinistra ha ucciso la democrazia, l’unica cosa che ci è rimasta come persone libere almeno nel pensiero, magari inferiori perché solo a sinistra esistono esseri superiori e immacolati che sanno tutto e di più, ci uccidete anche i sogni? L’ho sempre detto io: “Mai fidarsi delle persone che non sanno ridere”. Se la Merkel può fare quello che fa, é perché la costituzione tedesca non è interpretabile ad uso e consumo di una sola parte politica e la magistratura non é manipolabile dato che i magistrati tedeschi se sbagliano pagano. Qui invece piazzale Loreto è sempre in azione. Ce la vorrei proprio vedere la Merkel alla guida dell’Italia così com’è!!!.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Lun, 25/06/2012 - 10:45

Dio mio come siete tutti seriosi!!! Sempre pronti a bacchettare e a vedere sempre le cose solo da un punto di vista. Anche la Germania non è certo una verginella e per i propri interessi anche lei ha sguazzato nel torbido. E poi, cribbio, siete diventati anche sognicidi? Dopo che la sinistra ha ucciso la democrazia, l’unica cosa che ci è rimasta come persone libere almeno nel pensiero, magari inferiori perché solo a sinistra esistono esseri superiori e immacolati che sanno tutto e di più, ci uccidete anche i sogni? L’ho sempre detto io: “Mai fidarsi delle persone che non sanno ridere”. Se la Merkel può fare quello che fa, é perché la costituzione tedesca non è interpretabile ad uso e consumo di una sola parte politica e la magistratura non é manipolabile dato che i magistrati tedeschi se sbagliano pagano. Qui invece piazzale Loreto è sempre in azione. Ce la vorrei proprio vedere la Merkel alla guida dell’Italia così com’è!!!.

cincinnatus

Lun, 25/06/2012 - 10:55

#8 lorenzo74 - Sentivo minki@te come quella che tu scrivi oltre 30 anni fa. Se ne facevano promotori i PICIRILLI, ossia gli aderenti PCI, affermando che per fermare l'imperialismo yankee bisognava smettere di bere Coca Cola.

cincinnatus

Lun, 25/06/2012 - 10:55

#8 lorenzo74 - Sentivo minki@te come quella che tu scrivi oltre 30 anni fa. Se ne facevano promotori i PICIRILLI, ossia gli aderenti PCI, affermando che per fermare l'imperialismo yankee bisognava smettere di bere Coca Cola.

roby55

Lun, 25/06/2012 - 14:31

Caro #11 cincinnatus: faccia un commento più argomentato, e lasci decidere agli altri chi sia più ignorante o chi capisca di più. Credo sia un modo più democratico del suo, che dispensa lezioni a destra e a manca. Con cordialità e rispetto.

roby55

Lun, 25/06/2012 - 14:46

@ #7 massimo scalfati: allora lei, mi spiace dirglielo, ha capito poco dei "Cucù" di Veneziani. Senza rancore e buona giornata.

roby55

Lun, 25/06/2012 - 14:43

ok @ #12 Rosella Meneghini : sottoscrivo in pieno il suo commento. Spero di rileggerla ancora. Cordiali saluti

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Lun, 25/06/2012 - 14:47

è giunto il momento che tu sappia che quella gran maremma era già pregna del cugino americano del nostro banchiere, t'ha fatto mantenere il figlio suo e poi t'ha ciulato la casa. comunque è varesino, ino perché vien da dentro i confini della citta dei varesicoli, agricoli ripuliti che si credono magnati, varesotti sono i teroni trasferiti dall'africa alla provincia, non si sbagli più che son pure un po' gnègnè

cincinnatus

Lun, 25/06/2012 - 15:11

#14 roby55 - Il mio commento più argomentato lo troverai al post #1. Spero tu riesca a capirlo, visto che dimostri di appartenere alla categoria da me citata nel post #11. Quanto poi alle "lezioni di democrazia" che vorresti impartirmi, puoi risparmiarti la fatica. Io non sono democratico. Democratico sarai tu.

Aristofane etneo

Lun, 25/06/2012 - 15:12

... al precedente messaggio di stima per la Cancelliera della Germania aggiungo che le darei tutta la produzione di olio di un anno (50 kg. circa) se ci invaderà nella speranza che faccia piazza pulita di questi spudorati ladroni il cui numero va dimezzato; che ritornino al rispetto della nostra Carta Costituzionale che va modificata e adattata nella seconda parte pari pari a quella tedesca (federalismo, no al devastante bicameralismo "perfetto", più potere a chi governa,sfiducia costruttiva, no ai Magistrati in politica o peggio divisi in partiti interni (correnti), ecc.). Lo so anche in Germania hanno i loro ladri ma, penso, non così spudorati da fregarsene della volontà popolare. A scanso di equivoci: sono soddisfatto di avere una Mercedes Classe A; pronto ad riacquistare una Alfa Romeo o ad acquistare persino una FIAT perché ho fiducia in Marchonne e sono arci-Italiano consapevole che altri possano essere arci qualcos'altro,l secondo i diritti fondamentali dell'Uomo.

odifrep

Mer, 27/06/2012 - 11:57

Caro Veneziani, quand'ero piccolo sentivo dire :" ci hanno tolto una "M" dandocene due in cambio ". Divenuto grandicello, ho chiesto il significato che, mi fu spiegato in questi termini: La "M" che ci venne tolta, si riferiva al cognome MUSSOLINI, mentre le due restituiteci, stavano per "M"afia e "M"assoneria. Così, come una volta avevamo 3Monti, oggi solamente uno. Caro Marcello, visto che parliamo di M, consideriamo anche la crisi. Saluti.