Lissone, sequestrati 50 chili di eroina Albanese in manette

Da tempo fiutavano che in zona sarebbe arrivata una grossa partita d’eroina. I carabinieri della compagnia di Desio hanno bloccato una vecchia Y10 rossa: al volante un albanese, nel baule cinquanta chilogrammi d’eroina pura. La droga arriva da lontano. Quasi certamente da una regione del Sud. Forse dalla Calabria. Il corriere, 43 anni pregiudicato, è stato intercettato mentre transitava in via Bramante. In pieno centro a Lissone. Gli uomini del colonnello Spina e del tenente Mercatali notano l’utilitaria. Al volante c’è una faccia poco raccomandabile: è lui. I militari lo inseguono e riescono a bloccarlo. L’uomo scende dall’auto e finge di cadere dalle nuvole. «Apri il cofano», gli dice il maresciallo. In due borsoni ci sono cento panetti d’eroina. L’extracomunitario non ha scampo. La droga destinata al mercato dell’hinterland era fornita da una vasta organizzazione. Al vertice del clan ci sarebbero personaggi di spicco della criminalità organizzata. La banda sviluppava un giro d’affari di milioni di euro. Solo la «roba» sequestrata valeva oltre un milione di euro. L’albanese arrestato ha tenuto la bocca ben cucita: una soffiata potrebbe costargli la vita. Ora si trova in carcere a Monza.