Una lista civica tutta «rosa» per il candidato dell’Unione

Bandiere rosa, fazzoletti rosa al collo e un intenso profumo di rosa nel point di via Ferretto per Rapallo R-osa. Che osa con le 20 donne della lista civica presentata ieri a sostegno di Nicola Costa, candidato sindaco dell'Unione. «Siamo fieri - esordisce Costa - di questa lista rappresentativa di un più vasto gruppo di signore che ogni lunedì si riuniscono per discutere dei problemi di Rapallo». Poi la curiosità: «Non è una faccenda di quote rosa, ma le presenze femminili nelle tre liste già presentate superano quelle maschili. Arriviamo a un 50 per cento. L'effettiva parità». Nel logo il verde dell'Unione e la rosa rosa che prelude «alla sfida al conformismo non facile da superare anche al nostro interno» butta lì Costa. Poi la presentazione delle signore, diverse esperienze lavorative, qualche insegnante, molte inserite nel circuito del sociale e volontariato, un'artista, una mamma in attesa, mediamente giovani e determinate e contro il mugugno. Il gruppo è già coeso e lo spirito gioviale. Tre i punti saldi: concretezza, impegno e realismo. «Adesso ventre a terra per raccogliere le firme» invita Costa che risponde all’avversario Capurro: «Respingo le accuse di rapallizzazione al mittente. È inaccettabile il polverone sollevato dall'ex sindaco, proprio lui che ha collaborato col centrodestra negli anni di Bagnasco di cui oggi critica gli errori. Che ha riempito le carte del Comune di fantasmagorici progetti di finanza destinati a cementificare mezza Rapallo. Che ha avuto il cattivo gusto di realizzare affari immobiliari prima di far approvare il Puc». L’appuntamento con Rapallo Rosa per un aperitivo in rosa oggi alle 11 e 30 in piazza della Chiappa.