Liste d’attesa per i nidi, da oggi i posti liberi si scoprono «in rete»

«Ci sono zone più congestionate, di maggior richiesta - ha confermato l’assessore - sono quelle del centro, vicino agli uffici o alle abitazioni dei nonni. È qui che abbiamo cercato di concentrare le nuove sezioni: quest’anno si parte con 200 posti in più dedicati alla fascia lattanti (da 0 a un anno) che in città è quella che ha più bisogno». I lattanti milanesi che vorrebbero un nido sono infatti 1.642 (è il numero degli iscritti), per loro sono ancora liberi 68 posti. Altra novità di quest’anno le quindici «sezioni primavera» (pari a 340 posti) ossia riservate ai bambini dai 2 ai 3 anni che, grazie ai finanziamenti del governo, costano la metà alle famiglie.
Sta per partire inoltre la formula del bonus bebè, 500 euro al mese per le mamme che scelgono di rimanere a casa dal lavoro per il primo anno del bambino. Finora lo hanno richiesto 176 donne, ma due terzi di queste non era in lista per il nido.
\