Lite tra bulli finisce in sparatoria

Un litigio tra due comitive di bulli ha rischiato di finire in tragedia a Messina. Bilancio: due giovani, di 20 e 18 anni, feriti, fortunatamente in modo non grave. La polizia sta indagando a tutto campo visto che uno dei giovani feriti è il figlio di un mafioso detenuto in regime di 41 bis. Tutto sarebbe nato lunedì sera da una lite tra ragazzi, che ha visto tra i protagonisti uno dei giovani feriti, Gabriele Mulè, 20 anni. Il ragazzo ha litigato con un altro gruppo da cui si è allontanato un giovane che poi è tornato e ha sparato ferendo Mulè. Una ragazza è stata colpita a sua volta da una pallottola vagante.