Lite per cliente: tassista massacra un noleggiatore

Ha una dozzina di precedenti penali A.M, il tassista di 42 anni fermato dai carabinieri, su ordine del pm, per aver ridotto in fin di vita con un pugno un autonoleggiatore che gli aveva soffiato un cliente. «Il tassista deve rispondere di lesioni gravissime - dicono i carabinieri - aggravate dai futili motivi e dalla circostanza che ha aggredito l’autonoleggiatore, senza che quello gli avesse nemmeno rivolto la parola». Il pugno che ha colpito l’autonoleggiatore sulla parte sinistra della fronte, è stato così violento da provocare nella vittima una lesione cerebrale.