Lite per i bimbi, morta la donna colpita dall’ex col mattarello

L’ennesimo caso di violenza sulle donne, conclusa nel peggiore dei modi, da parte del compagno. Questa volta è morta la mamma di tre bambini. Brutalmente ammazzata a colpi in testa con un mattarello da cucina, e deceduta dopo un’agonia di ore. A nulla le è servito chiedere aiuti nei mesi precedenti all’episodio che le è costato la vita. Aveva denunciato per stalking il marito, dal quale si stava separando legalmente, Stefania Cancelliere, la 39enne morta ieri mattina dopo essere stata aggredita mercoledì pomeriggio con un mattarello nella propria abitazione in via Marcona a Legnano dal suo ex. L’ennesima lite e poi quelle urla impressionanti che avevano costretto i vicini di casa a chiamare la polizia. Sono accorsi tutto sul posto: le forze dell’ordine e gli operatori del 118 che l’hanno subito trasportata in ospedale, dove ieri mattina è deceduta. A quanto si apprende, la donna aveva depositato l’esposto per atti persecutori alla procura di Milano nell’autunno scorso. Nella denuncia sosteneva che il marito, Roberto Colombo, medico oculista di 54 anni con cui litigava per l’affidamento dei tre figli piccoli, nonostante la separazione in corso la molestava telefonicamente. Colombo era stato interrogato dal pm Ada Mazzarelli, ma aveva negato tutto, respinto ogni accusa mossa da Stefania a suo carico. Da quanto è trapelato ieri, inoltre, ritenendo di trovarsi davanti a un ipotetico caso di stalking che tuttavia, dal tenore della denuncia sembrava lasciare spazio a una possibilità di riconciliazione tra i coniugi, il pm non aveva chiesto l’arresto dell’uomo. Ieri è stato portato in carcere con l’accusa di omicidio aggravato.