Lite con la moglie: il suocero lo uccide con una coltellata

Un uomo Giovanni Di Maio, 29 anni, è stato ucciso dal suocero davanti agli occhi atterriti della moglie. Una sola coltellata, diretta alla parte sinistra del torace, che lo ha colpito direttamente al cuore. La tragedia si è consumata sabato a Seriate, paese alle porte di Bergamo, al termine dell'ennesima lite tra i due coniugi. Secondo quanto finora ricostruito dai carabinieri, i toni fra il marito e la moglie, Filippa, anche lei ventinovenne di origini siciliane, infermiera, si sarebbero, per l'ennesima volta, alzati e l'uomo, un operaio di origini siciliane, in un accesso d'ira, avrebbe cercato di strattonarla. Scene alle quali il suocero, Pietro Roccaforte, di 50 anni, ha assistito dapprima - pare - cercando di non intervenire nell'alterco e poi intromettendosi, almeno all'inizio, per tentare di placare gli animi. Ad un certo punto, improvvisamente ha anche lui perso la testa e, afferrato un coltello, ha colpito il genero. Di Maio è riuscito a trascinarsi fino al divano, dove però è morto poco dopo. Ad avvisare i carabinieri è stato lo stesso cinquantenne, che, sotto choc, si è lasciato arrestare senza opporre resistenza.