Lite tra peruviani in discoteca: un morto

Un uomo ha accoltellato due connazionali fuori dalla discoteca Rainbow, forse alla base della lita apprezzamenti dei due alla donna che era con lui. Una vittima e un ferito in prognosi riservata. Si cerca ancora l'omicida

Milano - Una lite in discoteca finita nel sangue: un peruviano è morto, questa mattina all’alba, dopo essere stato colpito con una coltellata all’addome da un connazionale che ha ferito anche un altro uomo della stessa nazionalità. L’episodio si è verificato davanti alla discoteca Rainbow, in via Besenzanica, alla periferia della città. Un peruviano accompagnato da una donna italiana ha litigato con due amici, sempre peruviani, nel locale. Quindi all’esterno della discoteca ha estratto un coltello e ha colpito i due sudamericani: uno di 42 anni, colpito all’addome, è stramazzato a terra e è poi morto alle 5.30 di oggi dopo un’operazione chirurgica d’urgenza all’ospedale San Paolo; l’altro, un coetaneo della vittima, è stato raggiunto da due fendenti alla schiena e ora è ricoverato in prognosi riservata al Fatebenefratelli, dove al momento non appare in pericolo di vita. L’omicida è poi scappato.

Le indagini Le indagini sono condotte dalla polizia. I dati della persona rimasta uccisa non sono stati ancora diffusi perché devono essere ancora avvisati i familiari e sono in corso le indagini. Ora gli investigatori stanno lavorando per individuare e arrestare il responsabile, sentendo testimoni e ricostruendo con maggiori particolari i fatti. Sempre in base a quanto spiegato dalla polizia, il ferimento che poi ha portato alla morte il sudamericano sarebbe avvenuto intorno alle 23.30 di ieri. Non si sa, al momento, se la lite sia scoppiata per un commento dei due amici peruviani nei confronti della donna italiana che accompagnava il loro connazionale o invece se vi siano stati altri motivi. Non è ancora stato accertato se la vittima avesse precedenti penali e fosse regolarmente in Italia.