Dopo la lite, spara alla moglie

Uccisa con almeno sette colpi di pistola dal marito che già un mese fa l’aveva aggredita con una scure. È morta così, davanti agli occhi della figlia di 18 anni, Grazyna Tarkowska, una operatrice socio-sanitaria di 46 anni di origine polacche. L’assassino, Maurizio Foresi, 55 anni, aveva già ferito la moglie prima di Natale ed era stato sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio. Ieri il tragico epilogo nell’abitazione dei coniugi in via della Repubblica a Civitanova Marche. A dare l’allarme i vicini che avevano sentito i colpi di pistola. All’arrivo dei carabinieri Foresi si è barricato in casa salvo poi arrendersi dopo una breve trattativa. Sempre ieri ma a Scicli, in provincia di Ragusa, un disoccupato, Massimo La Terra, 41 anni, al termine di un litigio iniziato a ora di pranzo, ha strangolato la moglie Rosetta Trovato 38 anni, davanti alla figlia di 15 anni e ha poi scagliato il corpo giù dalle scale. Nel 1999 era già stato arrestato per avere tentato di uccidere il padre.