Livon festeggia in alta quota 50 anni nel Collio

M ezzo secolo in un bicchiere. Livon, storica azienda del Collio friulano, ha celebrato a Milano il suo primo mezzo secolo di vita con una maxidegustazione di dieci annate (1996, 2000, 2001, 2004, 2007, 2008, 2010, 2011, 2013 e 2014) del Braide Alte, vino simbolo della cantina. Un uvaggio di Chardonnay, Sauvignon, Picolit e Moscato Giallo che ha una struttura, una complessità, una masticabilità che lo rende quasi paragonabile a un rosso. Lo dimostra il fatto che alcune delle annate più vecchie hanno mostrato una vitalità, un nerbo, una spina acida che solitamente non si trovano in vini bianchi così agé.Ma Livon non si è limitata a guardare al passato del suo «grand cru», per quanto colmo di orgoglio. Ha anche messo in cantiere un vino celebrativo, il 50esimo Anniversario Livon 2014, nato da una vendemmia celebrativa svoltasi nel settembre di un anno e mezzo fa nei vigneti di Ruttars, ne comune di Dolegna del Collio. Si tratta di un uvaggio di Ribolla Gialla e Friulano che sarà presentato anche all'imminente Vinitaly e sarà disponibile sul mercato più avanti in primavera con un'etichetta celebrativa di colore blu scuro e ispirata all'illustrazioni di Erté e con un bollino dorato celebrativo sul collo. Un vino che farà volare i sensi dei fortunati che ne berranno un sorso. E che volerà a sua volta, figurando nelle carte dei vini di Emirates e altre compagnie aeree.