Liz Taylor: guardatemi, vi sembro moribonda?

L’attrice ospite a sorpresa del talk show di Larry King: «Sono impegnata su più fronti»

Roberta Pasero

da Los Angeles

«Guardatemi, vi sembra forse che stia morendo? Vi sembra che abbia l’aria malata, che sia moribonda, vi sembra che il mio prossimo destino sia finire dentro una bara?». Ha sgranato i suoi memorabili occhi viola guardando fissa la telecamera, ha impostato la sua voce melodiosa come faceva quando era la regina dei set e ancora una volta davanti ai riflettori Liz Taylor ha dato il meglio di sé, incantando con poche battute milioni di spettatori. Ma questa volta non si trattava di recitare un copione, questa volta lei stava parlando semplicemente di se stessa.
Ha scelto un palcoscenico televisivo, quello del Larry King Live, il seguitissimo talk show in onda sul network della Cnn, per smentire una volta per tutte le «amichevoli» voci che dalla fine di aprile danno la leggendaria icona di Hollywood in punto di morte. Prima le notizie pubblicate dal quotidiano inglese Daily Mail che la davano ormai confinata a letto pianificando i dettagli del suo funerale, la cremazione, la sepoltura in Svizzera accanto al plurimo ex marito Richard Burton e il testamento a favore della ricerca sull’Aids, poi quelle di pochi giorni fa pubblicate sui giornali americani e inglesi che a caratteri cubitali avevano scritto: «Liz Taylor soffre di Alzheimer. Sempre più spesso è in stato confusionale, si sveglia di notte, non sa dove si trova ed è presa dal panico e ormai c’è poco da fare per contrastare questa terribile malattia cerebrale».
«Sono chiacchiere, soltanto chiacchiere messe in giro da riviste che hanno bisogno di vendere copie e che non sanno raccontare nient’altro che presunti scandali», ha affermato con il consueto fare consumato da star, esibendo per l’occasione (era tre anni che non appariva in tivù) una nuova pettinatura, un abito verde smeraldo e una vistosa parure di brillanti. «Certo, ho 74 anni, soffro di osteoporosi e di una forma di scoliosi che mi costringe a muovermi sulla sedia a rotelle, ma non ho l’Alzheimer e soprattutto, ragazzi miei, non mi sento affatto morta». E per dimostrarlo «Cleopatra» ha snocciolato a Larry King i suoi progetti: «Sto disegnando una nuova linea di gioielli, una delle mie passioni, e sono sempre in prima fila nelle campagne di sensibilizzazione contro l’Aids. Mi spiace per chi vuole sentire che sto morendo, ma non è così: sono talmente impegnata da non aver ancora avuto tempo di mettere in agenda il mio appuntamento con la morte».