In lizza come secondi anche Edwards e il generale Clark

da Washington

La vicepresidenza democratica? Un mistero. Su una sola cosa le voci che attraversano il Partito democratico sono d’accordo. Il dream ticket non si farà. Ma allora su chi punta il senatore nero dell’Illinois come numero due? Di certo, ha sempre detto di voler portare a Washington volti nuovi. Uno dei più forti è quello di Kathleen Sebelius, al secondo mandato come governatrice del Kansas. Da un lato, aiuterebbe a sfondare nell’elettorato femminile, dove Obama è debole. Dall’altro, da governatrice di uno Stato tradizionalmente conservatore, ha una buona reputazione per quanto riguarda il trattare con gli avversari politici.
Non è di certo l’unico nome che gira: due aspiranti al posto sono anche l’ex militare Wesley Clark e il governatore dell’Ohio Ted Strickland. Entrambi alleati della Clinton, potrebbero aiutare Barack a convincere gli elettori di Hillary che è lui l’uomo giusto. In più Clark, ex generale a 4 stelle, ha un passato nell’esercito da contrapporre a quello di John McCain. Un altro nome sempre attuale è quello di John Edwards. Si tratterebbe in questo caso di un cavallo di ritorno: già alle ultime elezioni era stato il vice di John Kerry. Anche il nome di James Webb, senatore della Virginia, ha fatto capolino. Sei medaglie in Vietnam, segretario della Marina durante la presidenza Regan, amico di McCain. Di certo, difficilmente i repubblicani potrebbero attaccarlo.