Lloyd Adriatico, utile a 264 milioni (+11%)

Per la compagnia guidata da Enrico Cucchiani raccolta premi in forte aumento

da Milano

Si è chiuso con un utile netto di 264 milioni di euro (in crescita dell’11,4% rispetto ai 237 milioni del 2004) il bilancio 2005 del Lloyd Adriatico (gruppo Allianz), che ha registrato un forte incremento anche nella raccolta premi (9,6%), giunta a 3.413 milioni di euro.
Per il quinto anno consecutivo, la compagnia guidata da Enrico Tomaso Cucchiani ha registrato un Roe (Ritorno sul patrimonio) superiore al 20%, raggiungendo quota 30,1 (32,5 nel 2004).
All'assemblea degli azionisti, il consiglio di amministrazione della compagnia ha approvato la distribuzione di un dividendo di 2,5 euro per azione (invariato rispetto al 2004), per un totale di 150 milioni di euro, con un pay out del 56,8%. Per quanto riguarda la raccolta, i premi del settore Vita hanno raggiunto i 2.084 milioni (+17,2%), pari al 61,1% della raccolta totale, con un incremento del 25,3% dei canali degli agenti e dei promotori (a fronte di una media di mercato stimata all’11,3%); nei rami Danni, vi è stata una riduzione della raccolta dello 0,5% (a 1.340 milioni di euro). Il combined ratio, per il quinto anno consecutivo, è stato inferiore a 100%, attestandosi a 78,9% (78,6% nel 2004), un dato che - ha sottolineato la società - si colloca ai vertici assoluti del mercato assicurativo italiano ed europeo. Il peso degli investimenti azionari trading è, a livello della Capogruppo, pari al 7,2%, con una politica d’investimento.