Le lobby perdono un cliente voti in arrivo per McCain

Le costose pressioni sul parlamento e il tempismo della Casa Bianca

da Milano

Chi vince e chi perde nel salvataggio di Freddie e Fannie? Secondo il Wall Street Journal, gli schieramenti sono già ben delineati.
Ecco la lista di chi è stato fortunato.
Proprietari di case. I cosidetti Homeowners vedranno i tassi di interesse scendere. Inoltre il governo potrà estendere la scadenza dei mutui a 45 anni permettendo alle famiglie di pagare.
Henry Paulson. Il segretario al Tesoro ha cercato la soluzione più rapida per risolvere il caso incurante del parere di Morgan Stanley.
Short-Sellers. Favorito chi ha venduto a breve termine scommettendo che Freddie e Fannie non sarebbero riusciti ad uscire dal pantano con le proprie forze.
Bill Gross. Il guru del mercato dei bond di Pimco aveva scommesso sul salvataggio da parte del governo federale dei due colossi e, naturalmente, delle obbligazioni emesse dalle due società.
Repubblicani. L’amministrazione Bush ha cercato di evitare ulteriori problemi che sarebbero arrivati dal lasciare alla deriva il problema dei due giganti. Fannie e Freddie infatti sono sempre state supportate dai democratici mentre i repubblicani volevano che le due società venissero ridimensionate. Questo potrebbe portare voti al candidato Repubblicano McCain.
A chi è invece andata male.
Gli azionisti. Le azioni ordinarie e di risparmio rimarranno quotate, ma i dividendi interessanti sono andati per sempre.
Lobbisti. I due giganti del credito facevano largo uso di lobby e spendevano ogni anno milioni di dollari per portare avanti le loro istanze al Congresso. In dieci anni sono stati spesi 170 milioni di dollari.
Manager. Paulson non ha biasimato l’operato del management, attribuendo il disastro non tanto alle capacità dei dirigenti quanto alle avverse condizioni di mercato e al crollo del prezzo delle case.
Inoltre ha aggiunto che la maggioranze dei dipendenti resterà mentre ovviamente l’amministratore delegato di Fannie, Daniel Mudd e quello di Freddie Richard Syron saranno rimpiazzati.
Investitori. I manager dei fondi che hanno grosse partecipazioni nelle società come David Dreman di Dws Concentrate Value, Richard Pzena della John Hancock ritenevano che le azioni potessero risalire.