Lodi Operai mandano all’ospedale due poliziotti

È finita con due poliziotti all’ospedale e due sindacalisti in carcere la protesta dei dipendenti di un subappalto dell’azienda Fiege Borruso di Brembio, in provincia di Lodi, da tempo in agitazione contro i licenziamenti. I feriti sono il dirigente della Digos lodigiana, Angelo Di Legge, e uno dei suoi ispettori. Gli arrestati, con l’accusa di violenza a pubblico ufficiale, sono un dirigente dello Slai Cobas e un operaio di origine albanese. La protesta era stata indetta per difendere il posto di lavoro dei 68 dipendenti della Rsz, una cooperativa che da tempo fornisce manodopera alla Fiege Borruso e che verrà sostitutita da un’altra coop. Nel pomeriggio un gruppo di lavoratori aveva bloccato gli ingressi dell’azienda impedendo l’uscita dei camion, attorno alle 17 era intervenuta la polizia per rimuovere il blocco e un paio di operai erano rimasti contusi. Ma il blocco è stato ripristinato poco dopo, e intorno alle 19,30 - dopo lunghe trattative per convincere i sindacalisti a desistere - la polizia è intervenuta nuovamente. A questo punto i manifestanti hanno reagito con violenza ferendo i due poliziotti. Inevitabili gli arresti.