Lojodice: questi giovani non hanno umiltà

Aria frizzante durante la presentazione della stagione del teatro Eliseo. Da un lato la polemica sull’apertura alle nuove leve di autori e registi, secondo alcuni insufficiente. «Basta con il clima di contrapposizione a chi, come me, calca le scene da tempo - commenta Giuliana Lojodice, a marzo a fianco di Galatea Ranzi nel Malinteso di Camus -. Non sento che critiche ai “veterani”, ma ricordo che siamo tutti passati attraverso una dura gavetta. Io per esempio ho 50 anni di teatro sulle spalle: i giovani non pretendano tutto e subito». Dall’altra parte, la preoccupazione espressa da artisti come Piero Maccarinelli, Giancarlo Sepe e Nello Mascia in merito alla bozza di legge firmata dal sottosegretario alla Cultura Elena Montecchi (Ds), sul teatro e lo spettacolo dal vivo. «Per la politica, esistono solo grandi eventi e festival - spiega Maccarinelli - è una vergogna».