Lollobrigida (An): «Ora Marrazzo si deve dimettere»

«A partire dalle 14 saremo davanti alla sede della giunta regionale, assieme al consigliere comunale Andrea De Priamo (Pdl) e all’assessore alle Politiche sociali del IV Municipio Francesco Filiniremo per chiedere le immediate dimissioni del presidente dell’Ater Petrucci e del governatore di questa regione Marrazzo». Lo ha annunciato ieri il consigliere regionale di An Francesco Lollobrigida, primo firmatario, venerdì scorso, della richiesta di un consiglio regionale straordinario «per l’esame e la discussione della questione relativa alle gestione dell’Ater di Roma». «Il tempo delle riflessioni e dei buoni propositi come auspica Petrucci - aggiunge l’esponente di centrodestra - è scaduto. Questo “duo delle meraviglie”, dopo aver perso tre anni in inutili balletti (solo adesso ci si rende conto che l’unica via d’uscita è la vendita) ha portato l’Ater sull’orlo del baratro. Perché non si è dato seguito all’alienazione sul patrimonio immobiliare che era alla base del risanamento aziendale? La verità è che qualcuno, Petrucci in testa, non ha rispettato i vecchi accordi con il Campidoglio per il risanamento del deficit. Se l’Ater - conclude Lollobrigida - non è ancora riuscita a mettere in piedi e ad attuare un piano finanziario funzionale e soprattutto se oggi è con l’acqua alla gola, significa che è davvero maturo il tempo per un rapido avvicendamento». «Oggi - ha aggiunto il consigliere comunale Andrea De Priamo - l’Ater, con il suo atteggiamento, tenta di nascondere il suo fallimento dietro il debito Ici. Sappiamo benissimo, però, che in questi anni c’è stata una gestione disastrosa e che non si è dato luogo alla vendita massiccia che avevamo più volte sollecitato».