Lombardi il nuovo prefetto?

Gianluigi Nuzzi

Gian Valerio Lombardi sarà il nuovo prefetto di Milano e andrà a sostituire l’ormai ex collega Bruno Ferrante in corsa per diventare sindaco della città. Il nome di Lombardi, prefetto di lungo corso prima a Padova e ora a Firenze, circola da mesi ai piani alti del Viminale. E veniva indicato come naturale successore di Ferrante, ancor prima che quest’ultimo scegliesse di lasciare corso Monforte. Il Consiglio dei ministri dovrebbe nominarlo oggi. Insomma una scelta data per conclusa dai più, voluta e portata avanti soprattutto da diversi esponenti di primo piano di Forza Italia. Ma in questi casi il condizionale fino all’ultimo rimane un obbligo. Visto anche i nomi degli altri prefetti papabili: Giosuè Marino, oggi a Palermo, Giuseppe Romano, rappresentante del governo a Genova ed Annamaria Cancellieri Peluso di Catania.
Lombardi è stato scelto per Firenze nel luglio del 2003, passaggio di testimone con Achille Serra, dopo esser stato prefetto a Padova e Varese e, prima, presso la presidenza del Consiglio durante il primo governo Berlusconi. Nel capoluogo toscano si è distinto e dedicato soprattutto al potenziamento dei servizi di vigilanza e protezione ai cosiddetti obiettivi sensibili, dopo gli attentati di Madrid e Londra, al problema dell’immigrazione clandestina, e alla colonna fiorentina delle Brigate rosse dopo l’omicidio del sovrintendente capo della polfer Emanuele Petri.