Lombardia: «L’area critica va allargata»

Anche i territori di

Mantova, Lodi, Cremona, Pavia e Monza nell'area critica per la qualità dell'aria. È la richiesta che è stata avanzata ieri durante la riunione della Commissione Ambiente della Regione Lombardia, presieduta da Stefano Maullu (Fi). Nelle audizioni sono stati ascoltati i rappresentanti delle amministrazioni comunali di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Mantova, Monza e Pavia, che hanno chiesto l'estensione ai loro territori (che oggi non fanno parte dell'area critica) delle risorse stanziate per combattere lo smog e il coinvolgimento diretto nelle politiche di contenimento degli inquinanti, compresi i limiti alla circolazione delle auto. Al riguardo, la Commissione ha deciso di istituire un gruppo di lavoro composto, oltre che dagli assessori all'Ambiente dei comuni interessati, dal relatore e correlatore del progetto di legge, i consiglieri regionali Enio Moretti (Lega Nord) e Marco Cipriano (Ds). Il Presidente della Commissione, Stefano Maullu, ha ricordato che già «in una mozione approvata all'unanimità dal consiglio c'è la disponibilità assoluta a recepire le istanze dei comuni ascoltati oggi e a lavorare assieme con gli enti locali».