Lombardia sotto la media nazionale

Sono 243, sulle 3.236 scarcerate, le persone che in Lombardia sono rientrate in carcere dopo aver beneficiato dell’indulto. Un dato «decisamente più basso di quello nazionale», ha spiegato ieri il provveditore dell'amministrazione penitenziaria in Lombardia, Luigi Pagano, alla sottocommissione comunale Carceri. A fronte dei 2mila rientri su 17mila scarcerati in tutta Italia, circa il 12 per cento, in Lombardia gli «indultati» che hanno di nuovo perduto la libertà sono poco più del 7 per cento. Merito, ha spiegato Pagano, «del lavoro di rieducazione e reinserimento che viene fatto da tempo».