Londra, iniziano i saldi ma la metro è in sciopero

Dopo il freddo polare degli ultimi giorni, iniziano i saldi nella capitale britannica. Ma la corsa allacquisto è frenata dallo sciopero dei mezzi pubblici che renderà difficle il tragitto per decine di migliaia di cittadini

Londra - Grandi attese per i negozianti britannici per il primo giorno dei saldi nel Paese. Dopo il freddo polare che ha ostacolato lo shopping natalizio, oggi a Londra si dovrà però fare i conti con lo sciopero della metropolitana, che renderà più difficoltoso o addirittura impossibile il tragitto verso il centro per decine di migliaia di persone. Nella giornata odierna in tutto il Regno, si attendono spese per l'ammontare di 500 milioni di sterline. Lo sciopero di un giorno è stato indetto dal sindacato dei conducenti Aslef, che per far lavorare oggi i propri iscritti richiedeva uno stipendio triplo e un giorno di ferie. London Underground, la società che gestisce la metropolitana, si era addirittura rivolta ad un tribunale per sventare lo sciopero. In altre parti del Paese sono attese grandi folle: catene di abbigliamento e negozi di elettronica offrono già da oggi sconti del 50%. Da domani, alcuni grandi magazzini inizieranno la svendita stagionale con il 70% di sconto. Molti dei punti vendita stanno cercando di recuperare un Natale piuttosto freddino, sia dal punto di vista climatico che delle vendite. A spingere i consumatori a comprare tutto prima della fine dell'anno sarà anche l'aumento dell'Iva dal 17,5% al 20% a partire da gennaio.