Londra, no global assaltano le banche: 30 arresti

Migliaia di no global, ambientalisti e anarchici nel distretto finanziario londinese contro il G20. Scontri con la polizia davanti alla Banca d'Inghilterra (<strong><a href="/fotogallery.pic1?ID=1061" target="_blank">guarda le immagini</a></strong> - <strong><a href="/video.pic1?ID=londra_scontri" target="_blank">guarda il video</a></strong>): 30 arresti. Distrutte le vetrine della Rbs: dimostranti all'interno. Cariche dei poliziotti

Londra - G20 e proteste. Vertice che vai, disturbatori e contestatori che trovi. Il summit inglese non fa eccezione. E, già dai giorni scorsi, la City è stata presa d'assalto da no global e ambientalisti. Migliaia di dimostranti stanno convergendo, in quattro diversi cortei, verso la sede principale della Banca d’Inghilterra, al centro della City londinese, per una manifestazione di protesta contro il vertice in programma domani. Sono 30 gli arresti tra i manifestanti. La polizia ha arrestato 19 persone per gli scontri e i danni alla filiale Rbs. Altri 11 manifestanti, appartenenti al gruppo anarchico "Space Hijackers", sono stati fermati per possesso illegale di divise delle forze dell’ordine.

Tafferugli e vetrine rotte Nel pomeriggio si infiamma la protesta anti-G20 nel cuore di Londra: i manifestanti si sono scontrati con la polizia e hanno infranto numerose vetrine. Secondo Sky News, all’esterno della Bank of England, un poliziotto è stato colpito con una grossa sbarra. I manifestanti hanno fatto irruzione negli uffici londinesi della Royal Bank of Scotland. Secondo testimoni, sfondate le vetrine dell’edificio, si sono riversati all’interno. Fino a poco tempo fa fiore all’occhiello del sistema creditizio britannico, è uno degli istituti più colpiti dalla crisi.

Tensione nella City Confusione di fronte alla Banca d’Inghilterra dove si stanno scontrando due flussi di manifestanti e si registrano i primi feriti: circa 500 persone stanno infatti cercando di raggiungere la destinazione finale dei quattro cortei partiti questa mattina da altrettante stazioni ferroviarie di Londra. I poliziotti di Scotland Yard hanno circondato l’area di fronte la banca, bloccando circa 2mila manifestanti che ora non si possono muovere dalla piazza. Si registrano, intanto, alcuni feriti tra i dimostranti più esagitati che vogliono attraversare il cordone steso dai poliziotti.

Scontri a Cannon street A fine mattinata c'è stata una carica della polizia contro la manifestazione anti-G20 a Cannon Street, nella City, dove si sono concentrati i gruppi anarchici: gli agenti, schierati in massa, hanno usato manganelli per evitare che la marcia raggiungesse la sede della Banca d’Inghilterra. Al grido di "Aboliamo i soldi" i manifestani premono con forza contro i cordoni delle forze dell’ordine impegnate a respingere indietro la folla. Da questa mattina elicotteri sorvolano la capitale britannica. Numerosi edifici del distretto finanziario di Londra sono stati circondati mentre diverse strade sono chiuse al traffico.

Gli arresti Sono 30 le persone già fermate a Londra. Secondo fonti locali, tre persone sono state arrestate per possesso di coltelli, un'altra per aggressione a pubblico ufficiale, altre ancora per offese alle forze dell’ordine. La rabbia per il ruolo giocato dai banchieri nella crisi economico-finanziaria, ma anche la frustrazione per gli scarsi progressi raggiunti in fatto di lotta al surriscaldamento climatico hanno indotto migliaia di persone a scendere in strada. Quattro cortei, partiti da altrettante stazioni della metropolitana e che hanno seguito percorsi diversi, si sono raccolti dinanzi alla Bank of England. Lungo il tragitto, decine di impiegati della City, affacciati alle finestre, lanciavano biglietti da 10 sterline, mentre la folla sottostante reagiva con urla e invettive.

Seconda carica alla Rbs Disordini anche quando alcuni manifestanti hanno fatto irruzione nella sede della Royal Bank of Scotland, rompendo i vetri. Sul posto è stata inviata la polizia anti-sommossa, intervenuta con gas lacrimogeni. Precedentemente i manifestanti avevano tentato di introdursi nella sede della Banca d’Inghilterra a colpi di lanci di uova e frutta contro gli agenti. Le mura esterne dell’edificio sono state imbrattate con le scritte: "Guerra di classe" e "ladri". Si registrano alcuni feriti (nessuno sarebbe grave) e 30 arresti. Circa 4mila - tra anarchici, ambientalisti, anticapitalisti - i manifestanti scesi in strada nel "Financial Fool’s Day". Dopo alcune ore la polizia ha fatto irruzione nella filiale della Rbs: i dimostranti hanno iniziato a tirare mobili e suppellettili dalle finestre dell’ufficio. La strada, Threadneedle street, è stata isolata, insieme a quelle adiacente.

Cambio di abitudini I londinesi, intanto, hanno lasciato la città, deserta nella mattinata, e le autorità hanno invitato chi si vuole recare al lavoro nella City a vestirsi in modo "casual" per non dare nell’occhio. Gli uomini dispiegati dalle sei forze di polizia presenti nell’area metropolitana londinese sono circa 5mila con un costo totale di 7,5 milioni di sterline. Molte le banche e i negozi sbarrati e protetti nel centro della citta.