Londra, notte di sangue:scontri, violenze e roghi

Le violenze sono scoppiate nel quartiere londinese di Tottenham dopo che un 29enne è stato ucciso dalla polizia. Due auto di pattuglia, un edificio e un bus a due piani sono stati incendiati durante gli scontri: gallery

Londra - Notte di sangue a Londra. Le violenze sono scoppiate nel quartiere londinese di Tottenham dopo che un 29enne è stato ucciso dalla polizia, a quanto sembra durante uno scontro a fuoco. Due auto di pattuglia, un edificio e un bus a due piani sono stati incendiati durante gli scontri tra centinaia di persone e gli agenti, davanti alla stazione di polizia del quartiere.

La rivolta a Londra Molte persone si sonoraccolte per "chiedere giustizia" per la morte dell'uomo. La gente scesa in strada ha anche infranto vetrine di negozi, spingendo poi carrelli pieni di merce nelle strade. Secondo un residente della zona, David Akinsanya, i dimostranti sarebbero circa 500, mentre la polizia ha parlato di circa 300 persone. Tottenham è un quartiere popolare della capitale britannica, con un alto livello di povertà. Nel 1985 è stato teatro di violenti scontri dopo che una donna ha avuto un infarto mentre la sua casa veniva perquisita dalla polizia. Furono tra i disordini più violenti nella storia del Paese, con un agente accoltellato a morte e circa 60 altri ricoverati.

Le persone ferite Il servizio ambulanze di Londra ha fatto sapere che 10 persone sono state curate sul posto e nove portate in ospedale. Otto poliziotti sono stati portati in ospedale, almeno uno di loro con ferite alle testa. Lo riferisce la versione online di Bbc News, citando il comandante della polizia locale, Stephen Watson, che ha spiegato che molti agenti sono stati schierati nella zona con lo scopo di riportare "calma e normalità nell'area prima possibile". La Independent police complaints commission sta investigando sulla morte del 29enne Mark Duggan. Secondo ricostruzioni, la polizia ha fermato il taxi su cui viaggiava Duggan, ucciso in uno scontro a fuoco mentre si opponeva all'arresto.