Londra, Oxford Circus si rifà il look: le «zebra crossing» diventano diagonali

L'idea voluta dal sindaco Boris Johnson si ispira a Tokio: «È la vittoria della tecnologia britannica, dello spirito d'innovazione giapponese e del vecchio buon senso». Rimosse anche le ringhiere che limitavano la mobilità dei pedoni

Oxford Circus, il popolare e trafficatissimo incrocio che si trova nel cuore di Londra, si rifà il trucco e strizza l'occhio alla capitale giapponese. Da oggi, infatti, i londinesi potranno attraversare la piazza sulle cosiddette «zebra crossing», le striscie pedonali, anche in diagonale, così come accade nei punti più congestionati di Tokyo. Il nuovo sistema di attraversamento pedonale, inaugurato alla presenza del sindaco Boris Johnson, dovrebbe rendere la vita più facile agli oltre 200 milioni di visitatori che ogni anno passano nella zona. Per sottolineare l'origine orientale del nuovo arredo urbano di Oxford Circus - costato cinque milioni di sterline - al momento dell'inaugurazione musicisti giapponesi hanno suonato le tipiche percussioni taiko e i fan dei fumetti manga, vestiti con costumi colorati, hanno steso un gigantesco nastro rosso lungo le direttrici della X - che misura 60 metri. Per Johnson il nuovo incrocio è un trionfo per la «tecnologia britannica, lo spirito d'innovazione giapponese e il vecchio buon senso». «Il tempo del design precedente, con tutti i problemi che comportava, è finito», ha detto Johnson. Le ringhiere che limitavano la mobilità dei pedoni sono state infatti rimosse e ora turisti e londinesi hanno il 70% in più di libertà di movimento.