Londra, pilota perde la vista in volo Comandante riesce a farlo atterrare

Dopo un infarto un pilota britannico ha perso la vista mentre era in volo. E' stato guidato
nell’atterraggio da un pilota militare. Il racconto: "È stato terribile: non riuscivo a vedere il
quadrante davanti a me"

Londra - Un pilota britannico che ha avuto un infarto e ha perso la vista mentre era in volo è stato guidato nell’atterraggio da un pilota militare. Lo ha annunciato la Raf (Royal Air Force), l’aviazione militare britannica.

Atterraggio d'emergenza Jim ÒNeill ha chiesto aiuto dopo che improvvisamente ha perso la vista 40 minuti dopo il decollo durante un volo in solitario dalla Scozia al sudest dell’Inghilterra. Secondo la Bbc ÒNeill, che si trovava a bordo di un piccolo Cessna, ha perso la vista a 5.500 piedi (1.676 metri) di altezza. "È stato terribile - ha raccontato il pilota, - improvvisamente, non riuscivo a vedere il quadrante davanti a me".

Infarto in volo In un comunicato stampa l’aviazione ha riferito che ÒNeill ha inizialmente creduto di essere stato "abbagliato" dall’intensità della luce del sole e ha effettuato una chiamata d’emergenza chiedendo aiuto. Successivamente si è reso conto che qualcosa di più serio stava accadendo e ha detto: "Voglio atterrare, il più presto possibile". Il comandante della Raf, Paul Gerrard, stava proprio per fine un volo di addestramento nelle vicinanze ed è stato scelto per aiutare il pilota in panne. Il 65enne è in cura in ospedale dove sta iniziando a riacquistare la vista.