Londra, si spegne l'euforia per la morte di Jihadi John

Analisti e commentatori ridimensionano la figura del boia, ucciso da un drone alla vigilia della carneficina di Parigi

Dopo l'euforia i dubbi. Amplificati dalla mattanza di Parigi. Anche a Londra la notizia, vera o verosimile che sia, della morte di Jihadi John, il giovane boia dell'Isis cresciuto a Londra, è durata lo spazio di un mattino. Fino alle immagini spaventose in arrivo dalla Francia. E allora sono affiorate le critiche e i distinguo sull'uso dei droni cui ormai è affidata buona parte della caccia ai terroristi. "La morte di Jihadi John - spiega sull'Independent Patrick Cockburn, inviato di guerra e profondo conoscitore di Siria e Iraq - non indebolisce significativamente l'Isis che mantiene il controllo di un esercito e di una macchina statale al potere in un'area delle dimensioni della Gran Bretagna". E Catherine Philip, analista del Times, ridimensiona la morte del boia: "La sua fine è un momento simbolico importante, ma Jihadi John non è mai stata una figura rilevante". Infine lo storico Max Hastings si chiede polemico sul Daily Mail: " Cosa diremmo se la Russia uccidesse allo stesso modo coloro che identifica come nemici in Ucraina, o se la Cina lo facesse all'interno dei suoi confini?" Per immaginare poi uno scenario terribile: "Saremo meno felici quando saranno i terroristi a iniziare a usare i droni contro di noi. Come certo accadrà".

Commenti
Ritratto di SAXO

SAXO

Sab, 14/11/2015 - 23:22

Ucciso veramente o sparito con prepensionamento anticipato per limiti raggiunti? Forse poteva finire nelle mani di Putin e allora erano guai seri per l asse criminale occidentale-islamico coalizzato, pro terrorismo islamista. Anche Bin Laden dicono che e stato ucciso ,ma senza certificazionedel dna concreta.Pura propaganda pro parte fatta dagli anglofarisei mondialisti.