Lopez al Milan: "È un sogno" Ma per Tevez non si escludeun colpo di coda in extremis

<div>Galliani è sicuro: Tevez si allontana dal Milan. Ma col mercato non si può mai dire. Intanto arriva Lopez: "Ora dobbiamo vincere tutto"</div>

Partita chiusa. Tevez si allonta - pare definitivamente - dal Milan e Galliani si sbilancia: "Il suo arrivo non è previsto". Certo, però in cambio arriva Maxi Lopez. La telenovela di questa sessione invernale di calcio mercato si chiude qui e l'ad rossonero - a mercato praticamente concluso - può dire con tutta tranquillità che non ci saranno nuovi stravolgimenti.

Anche se Galliani non esclude nulla. D'altronde anche il mercato estivo, a trattative concluse, aveva riservato l'arrivo in extremis di Nocerino. "Non è che qualche volta non si dicono le cose", si schermisce, "semplicemente nascono dopo, quindi in questo momento dico che non succederà nulla". Nulla neppure sul fronte Pato, che la sua l'ha già detta. "Nessun segreto, nessuna verità da sapere". Ha deciso di rimanere al Milan.

La domanda è se, facendo a meno di Pato, sarebbero potuti arrivare a Milano sia Tevez che Lopez. Ma "con i se e con i ma non si fa la storia", anche se è lo stesso Galliani a sottolineare che Tevez non può giocare la Champions League. E la risposta è quindi probabilmente un sì. Mentre Tevez si allontana verso Manchester.

Dal canto suo Lopez non potrebbe essere più felice della sua nuova destinazione. "È stata una settimana un po' particolare per me", commenta alla stampa, anche se la convinzione di voler arrivare sotto la Madonnina non gli è mai mancata, perché "il Milan è sempre stata la squadra dei sogni". L'argentino fa di più. "Voglio rimanere qui a vita", dice, entusiasta di essere approdato dai rossoneri. E sui prossimo obiettivi ha già le idee chiarissime: "Cosa dobbiamo vincere? Semplice: qui bisogna puntare a vincere tutto, tutto il possibile".