Prima Lopez ora Grabbi: allarme in attacco

Luca Russo

Prima Lopez poi Grabbi. E ora per il Genoa è scattato l'allarme in attacco. Proprio nel reparto in cui Vavassori sembrava avere solo l'imbarazzo della scelta la convocazione ai Mondiali del paraguaiano e una brutta botta subita in allenamento dall'ex juventino hanno complicato tutto. Tanto che ieri Ciccio Grabbi è rimasto fermo ai box e oggi sarà sottoposto all'ennesima visita che dovrebbe dare il responso definitivo. E così il tecnico rossoblù si aggrappa ad Igor Zaniolo che sembra aver recuperato dal guaio che lo avevo bloccato domenica al Ferraris. Sarà lui il terminale offensivo del vecchio Grifo ed è probabile che sia affiancato da Ivica Iliev. Non dovrebbe invece preoccupare Cristian Stellini che ieri ha lavorato a parte. Difficoltà dunque che si affiancano a quelle già note legate alle squalifiche. Nicola Barasso dovrebbe sostituire Alessio Scarpi tra i pali mentre il candidato numero uno per prendere il posto di Manuel Coppola sembra essere Daniele De Vezze anche se non è da escludere l'impiego di Stefano Botta.
Chi sembra certo del suo posto in formazione è Gianluca Lamacchi che non nasconde le difficoltà della partita di domenica. «C'è in ballo una stagione - ha dichiarato - Sì è vero loro giocheranno con la mente sgombra di chi non ha nulla da perdere perché partiti con altre ambizioni, ma noi non possiamo sbagliare. Noi giochiamo per andare in serie B». Lamacchi categorico e anche trascinatore di una squadra che in un momento della stagione sembrava non appartenergli più. Era il 27 novembre 2005 al Ferraris si giocava Genoa-Lumezzane e lui si rifiutò di andare a ricoprire il ruolo che Vavassori gli aveva chiesto. Finì ai margini della squadra. Poi il lento recupero. «Devo comunque molto a questa squadra, a questi colori - ha confessato - è stata una stagione particolare, ora voglio pensare solo alla promozione poi vedremo».
Biglietti. Mentre a Monza continua la processione dei tifosi (vedi articolo accanto, ndr) a Genova inizia oggi la prevendita presso l'Associazione Club Genoani di via Montebruno 44 rosso dalle 15 alle 19. Domani proseguirà dalle 9 alle 18 con una raccomandazione: la maggior parte dei tagliandi è già stata messa a disposizione dei club, che stanno organizzando una carovana di 30 pullman, quindi è meglio rivolgersi direttamente a loro.