Loretta Goggi mattatrice in musica

Versatile, poliedrica, simpatica, affascinante, coinvolgente, carismatica, trascinante. Tanti aggettivi per descrivere Loretta Goggi. Quest'anno Loretta ha deciso di tornare al teatro con uno «one woman show» dal titolo «Se stasera sono qui...» , ideato e creato su misura per lei da Gianni Brezza che ne firma la regia, che andrà in scena questa sera al Politreama Genovese dove resterà fino a domenica prossima. E non è la solita Loretta Goggi quella che vedremo on stage questa volta: dopo aver sperimentato i rigidi binari dei musical e delle commedie brillanti con grande successo, questa volta la Goggi si cimenterà a ruota libera, avrà un lungo a tu per tu con la platea, in un susseguirsi originale e sorprendente dei vari canoni di intrattenimento, dal racconto umoristico ad una canzone del suo repertorio, dalla satira di costume al ballo a tema, dalla gag comica alle sue celeberrime imitazioni.
Ritroveremo le canzoni che hanno reso grande quest'artista: da «Maledetta Primavera» a «Io Nascerò» e «L'aria del sabato sera». Le imitazioni che l'hanno fatta diventare la «Alighiero Noschese» al femminile e la migliore imitatrice italiana. Con lei sul palco una grande orchestra e un corpo di ballo composto da 10 ballerini che la accompagneranno in questo incontro con il pubblico.
Un atto di amore che la Goggi vuole regalare a quel pubblico che in tutti questi ha continuato a starle vicino. Nella sua carriera Loretta si è cimentata in tutto ed ha sempre conquistato il pubblico e la critica. Ha lavorato con tutti i più grandi della televisione italiana: Alberto Lupo, Giancarlo Giannini, Gino Cervi, Giorgio Albertazzi, Gigi Proietti, Arnoldo Foà, Alighiero Noschese, Beppe Grillo, Paolo Panelli, Luciano Salce, Anton Giulio Majano ecc.... Ha vinto i premi più prestigiosi come La Rosa d'Argento al Festival TV di Montreaux, il telegatto sia come cantante che come personaggio femminile , il Biglietto d'oro per lo spettacolo «Bobbi sa tutto», la Vela d'oro di Riva del Garda per il successo di vendite di «Maledetta Primavera». In teatro ha sbancato i botteghini con «Stanno suonando la nostra canzone» al fianco di Gigi Proietti, con «Bobbi sa tutto» con Johnny Dorelli, con «Hello Dolly» con Paolo Ferrari e con «Molto rumore senza rispetto...» per la regia di Lina Wertmuller. Come cantante ha conquistato dischi d'oro e di platino.