Los Angeles, bruciano le case dei vip

Un enorme incendio, divampato a
causa dei forti venti, ha distrutto ville di lusso nel quartiere di Montecito. Circa 2.500 residenti sono stati costretti a fuggire dalle fiamme, mentre nella zona circostante 20mila persone sono rimaste senza corrente. <strong><a href="/video.pic1?ID=brucia_california">Guarda il video</a></strong>

Los Angeles - Un enorme incendio, divampato a causa dei forti venti, ha distrutto ieri almeno 70 case di lusso nel quartiere dei vip di Montecito, nella parte nordoccidentale di Los Angeles. Lo hanno riferito alcuni funzionari. L’incendio si è esteso per più di 800 acri nel giro di sei ore, incenerendo interi isolati di ville nella cosiddetta "Riviera d’America", e i pompieri hanno potuto fare poco per cercare di spegnere le fiamme.

Residenze VIP
Montecito, con 10.000 proprietari di case tra cui gli attori John Cleese, Christopher Lloyd e Rob Lowe e l’icona del talk show Oprah Winfrey, si trova a circa 145 km dalla città di Los Angeles, nella contea costiera di Santa Barbara. Ieri circa 2.500 residenti sono stati costretti a fuggire dalle fiamme, mentre nella zona circostante 20.000 persone sono rimaste senza corrente ed è stato riferito che ci sono stati quattro feriti in modo lieve. A Westmont College, un’università cristiana privata, sono state distrutte diverse aule e una residenza per studenti, e 800 ragazzi sono stati condotti in salvo nella palestra della scuola, resistente al fuoco.

Soccorsi notturni Alcuni funzionari hanno riferito che stamattina presto il fuoco incessante si era propagato per 8 km a nord verso la periferia della città di Santa Barbara, dove sono state danneggiate almeno 20 case. Con una mossa insolita, e rischiosa, sono stati inviati sul posto stanotte tre elicotteri dei pompieri, azione che di solito viene intrapresa di giorno, mentre i venti a circa 110 km all’ora hanno complicato ulteriormente la situazione. Molte delle ville della zona sono residenze di villeggiatura o seconde case, e tra i proprietari ci sono il pioniere del telefono cellulare Craig McCaw e il direttore di Google Eric Schmidt. Non si sa se le loro case sono state colpite. Nella California meridionale c’è un alto rischio di incendi questo fine settimana, poiché il clima è troppo caldo per la stagione, c’è siccità e sono previsti venti forti dal deserto. L’anno scorso la regione è stata colpita da 30 incendi in una settimana, che hanno distrutto circa 2.000 case e hanno costretto 500.000 residenti ad evacuare le loro abitazioni.