Lost, la seconda serie ancora più misteriosa

Nuovi personaggi, nuovi scenari e misteri sempre più fitti. È quello che vedremo nella seconda serie di Lost, in onda da settembre su Fox Tv e da febbraio 2007 su RaiDue. Lo ha rivelato ieri Damon Lindelof - sceneggiatore ma anche creatore del fortunatissimo telefilm insieme con il regista J.J Abram - durante la presentazione del libro Lost - La Guida, ieri alla Casa del Cinema di Roma. In questa seconda stagione, ha detto Lindelof, scopriremo le paure di ciascuno dei naufraghi piombati sull’isola. «L’ambientazione cambierà - spiega-, come d’altronde per la terza serie e la quarta, e si aggiungeranno nuovi personaggi». In particolare, saranno quelli che erano seduti nella coda dell’aereo precipitato e che si credevano morti. Lindelof ha parlato anche della terza stagione, già in onda negli Stati Uniti, e in corso di scrittura (la sceneggiatura viene consegnata, di volta in volta, solo due giorni prima del girato): «Sarà la più cupa di tutte», ha anticipato, «ma anche la serie dove verranno svelati molti misteri». In tutte, ritroveremo sempre i riferimenti all’attualità, all’11 settembre 2001 ma anche alla guerra in Iraq.
Nel primo episodio della seconda, presentato in anteprima davanti alla platea di studenti, Jake e Kate seguono Locke nella botola: sotto il coperchio metallico si nasconde una grotta ipertecnologica, dotata di sofisticati computer e apparecchiature e abitata da un misterioso personaggio. Solo alla fine dell’episodio, si scoprirà che quest’ultimo è una vecchia conoscenza di Jack.