Lotito finge indifferenza ma vuole alzare il prezzo

Il presidente: «Nessuno mi prende per il collo, non devo cedere il mio capitano» E il Milan cerca in Brasile

Massimo Oddo su tutti, ma si infittisce il mistero sul nome del difensore che dovrà rinforzare la rosa del Milan nella seconda parte della stagione. La stampa italiana ha timbrato come bufala l’attenzione dei rossoneri dichiarata da Sergio Ramos che giocherebbe al rialzo con il Real Madrid in vista del rinnovo del suo contratto. E la stampa spagnola fa altrettanto con Juliano Belletti: «L’interessamento del Milan, pronto a offrire 5 milioni, potrebbe essere solo una montatura per mettere pressione sul presidente della Lazio, Claudio Lotito, deciso a non concedere sconti per il cartellino di Massimo Oddo, vero obiettivo di mercato del club rossonero». Nel sito del quotidiano spagnolo Sport, sono riportate le parole del segretario tecnico del Barcellona che nega qualunque incontro: «Posso garantire che nessun rappresentante del Milan si è messo in contatto con noi». Sandro Belletti, fratello e procuratore del giocatore, conferma le dichiarazioni del dirigente catalano: «Non ho avuto alcun contatto con la dirigenza del Milan. Juliano ha altri due anni di contratto con il Barcellona e intende aspettare l’eventuale proposta del club che ha priorità su tutti gli altri».
In realtà in questa fase del mercato e fino al primo di gennaio, non è possibile avvicinare alcun giocatore se non attraverso il suo club. Dal primo di gennaio solo chi è in scadenza di contratto a giugno può essere contattato direttamente, dal 4 gennaio con l’apertura del mercato è possibile depositare in Lega il nuovo contratto. Quindi è normale che qualunque procuratore o giocatore neghi qualsiasi contatto con altri club per non incorrere in sanzioni, Belletti inoltre non è in scadenza di contratto. Ci sono poi le dichiarazioni di Claudio Lotito: «Nessuno ci prenderà per la gola, io non svendo nessuno e non ho messo in vendita Oddo». Il capitano della Lazio ha un contratto che lo lega ancora per altri due anni alla Lazio ma i contatti fra le due società sono più che ben avviati, ci sono 1,5 milioni di euro di differenza fra domanda e offerta, da 6 a 7,5, oltre all’intero cartellino di Pasquale Foggia. Ma nelle ultime ore ci sono stati contatti anche con Isinho del San Paolo considerato l’erede naturale di Cafu, e Marcus Venancio de Albuquerque Cearà, esterno destro dell’Internacional di Porto Alegre, 26 anni, sponsorizzato dalla colonia brasiliana del Milan. Difficile l’arrivo di Isinho, vecchio pallino di Braida, 21 anni, contratto in scadenza nel 2009 e clausola rescissoria di circa 15 milioni di euro. Il suo procuratore Wagner Ribeiro ha però dichiarato di essersi incontrato a San Paolo la scorsa settimana con un dirigente rossonero. Belletti, Isinho e Cearà, se non dovesse arrivare Oddo il mistero difensivo del Milan dovrebbe risolversi con un altro brasiliano.