Lotta ai tumori Alle casse di Esselunga con due euro si aiuta la ricerca

Fino a fine mese Airc ed Esselunga propongono un piccolo gesto di contributo per la ricerca contro il cancro: donando 2 euro alla cassa, si riceverà in cambio la «Donocard», una tessera che dimostra la partecipazione all’iniziativa di sostegno (gli unici punti vendita che non sono coinvolti sono, a Milano, quello di via Mac Mahon, via Morgantini e via Pezzotti). Volendo si potrà compilare anche un foglio con i propri dati e si riceverà gratuitamente il primo numero del Fondamentale, la rivista che ogni mese pubblica i dati e le informazioni sulle attività dell’Airc e della ricerca sul cancro in generale.
Non è la prima volta che l’Associazione organizza un’iniziativa di questo tipo in un supermarket, ma è il primo anno che partecipa il gruppo Esselunga. L’idea che sta alla base di questa raccolta fondi è quella di creare piccole occasioni di aiuto, in modo che chiunque possa partecipare senza dover sostenere un impegno economico oneroso: «in momenti difficili come quelli che ci troviamo ad affrontare, i ricercatori vengono sostenuti ed aiutati proprio in virtù della capillarità della raccolta, ovvero attraverso l’azione di milioni di piccoli donatori sparsi su tutto il territorio» confermano dall’Airc. La ricerca scientifica sarà il fine ultimo di quest’iniziativa perché, oltre che aiutare i malati di oggi, è un investimento per la salute di tutti (info. www.airc.it, 02-77971).